Forte Sommo Alto

Fortificazione Austro-Ungarica della Grande Guerra (m 1613)

 

Il forte Sommo Alto è facilmente visitabile perchè raggiungibile in macchina o in seggiovia.

Il forte è stato recentemente sistemato e messo in sicurezza. Era un fortino di supporto tra i due più grandi Forte Serrada e Forte Cherle con solo due obici ed un complesso sistema di difesa da eventuali attacchi della fanteria.

Forte Sommo AltoForte Sommo AltoForte Sommo Alto

Come gli altri forti, anche questo ha subito i danni maggiori nel periodo tra le due guerre per il recupero del ferro utilizzato nella costruzioni di armi per la seconda guerra mondiale.

Le stanze si presentano adesso come un unico blocco con tante porte e finestre.

Forte Sommo Alto - InternoForte Sommo Alto - InternoForte Sommo Alto - InternoForte Sommo Alto - InternoForte Sommo Alto - Scala di collegamento tra i piani

E' possibile vedere tutti e tre i piani attraverso i corridoi perfettamente percorribili.

Forte Sommo Alto - Corridoio BatterieForte Sommo Alto - Uscita alle batterieForte Sommo Alto - Corridoio

Il corridoio più alto unisce le batterie e l'osservatorio centrale.

Forte Sommo Alto - BatteriaForte Sommo Alto - OsservatorioForte Sommo Alto - Copertura superiore

Mentre dal corridoio più in basso partono le gallerie per le postazioni avanzate e per l'uscita di emergenza in caso di assedio.

Forte Sommo Alto - Ingresso alla galleria più lungaForte Sommo Alto - Scale in galleriaForte Sommo Alto - Uscita di emergenza

Abbiamo percorso tutte e tre le gallerie e, dopo la prima di quasi 200 gradini, appena abbiamo iniziato le scale di un'altra galleria c'è venuto uno spontaneo "NOOOOO" per la stanchezza che già avevamo

Le batterie avanzate sono interessanti per posizione e costruzione, ma la trincea che circonda il forte lo è ancora di più.

Forte Sommo Alto - Postazioni AvanzateForte Sommo Alto - TrinceaForte Sommo Alto - Postazioni Avanzate

Alcuni particolari interessanti, una feritoia per fucilieri con ancora la protezione in metallo e, forse, la camera mortuaria per tre bare.

Forte Sommo Alto - Feritoia per fucileForte Sommo Alto - Camera mortuaria?

Per comunicare con i forti vicini si usava un metodo di segnalazione ottica e il codice Morse. Un piccolo foro permetteva all'addetto alle trasmissioni di vedere nella direzione del forte di fronte e, nel foro più grande, veniva infilata la luce di segnalazione. Questo metodo non permetteva l'intercettazione da parte degli avversari, sempre che non si trovassero sulla linea ottica. Nelle foto sotto il particolare dei tubi ottici verso Forte Serrada (Dosso del Sommo).

Forte Sommo Alto - Tubi otticiForte Sommo Alto - Tubi ottici

Una tabella ricorda il recupero parziale del forte da parte degli alpini, e una scritta parziale dell'epoca del forte che cosa voleva indicare?

Forte Sommo Alto - Targa degli AlpiniForte Sommo Alto - Scritta d'epoca indecifrabile (purtroppo)

All'interno di una galleria abbiamo travato tracce di uno scarpone, forse di qualche ufficiale che ispezionava i lavori ma con il cemento ancora fresco

Forte Sommo Alto - Impronta (quasi) fossile

La splendida giornata ci ha permesso di scrutare i monti vicini, compreso l'Adamello.

Forte Sommo Alto - FolgariaForte Sommo Alto - visto da più in altoForte Sommo Alto - L'Adamello

E questa è la porzione di panorama verso l'Adamello.

Forte Sommo Alto - Panorama

I due forti vicini e visibili sono il Forte Cherle e Forte Serrada (Doss delle Somme o Dosso del Sommo). E' meglio avere con se un binocolo

Forte Sommo Alto - Vista sul Forte CherleForte Sommo Alto - Vista sul Forte Serrada (Dosso del Sommo)

Nel visitare il forte ci siamo un po' attardati, forse troppo

Forte Sommo Alto - Verso il tramontoForte Sommo Alto - Folgaria di NotteForte Sommo Alto - Folgaria di Notte


 



Come si raggiunge:

Da Folgaria (TN) seguire per Francolini, Fondo Grande. Passato Fondo Piccolo, prima di arrivare a Passo Coe, prendere la strada bianca sulla sinistra. Si procede per circa 2 Km e si imbocca una strada sulla destra che in un centinaio di metri porta al forte. E' possibile raggiungerlo tranquillamente in auto, bici e a piedi.

L'alternativa è fermarsi a Francolini e prendere la seggiovia che porta al rifugio Stella d'Italia. Da li si arriva con una facile passeggiata di 10 minuti.


 



Mappe Interattive:



Forte Sommo Alto
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Trento
Comune:Folgaria
Coordinate punto di arrivo:45.89189 - 11.20056
(45°53'31" N - 11°12'2" E)
Altitudine di arrivo (m):1613
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi (esclusa visita):0
Come si raggiunge:A piedi, In auto, In mountain bike
Tipologia:Paesaggistico, Storico, Panoramico




Storia: (tratta dai tabelloni trovati in loco)

Venne costruito tra il 1911 ed il 1914 sulla sommità dell'altura (1613 m) da cui ha preso il nome. Aveva la funzione, in concerto con i forti Cherle e Dosso del Sommo, di controllare il settore orientale dell'altopiano di Folgaria, in particolare il solco di Val Orsara e il settore di Passo Coe. Nei progetti originali doveva essere un'opera intermedia con funzioni di casermaggio ma successive valutazioni strategiche lo elevarono al ruolo di fortezza. Per ragioni di economia fu però armato con soli due obici da 10 cm in cupola corazzata girevole.

Comandante del forte fu il capitano Rudolf Kalifius.

Fin dall'inizio del conflitto Forte Sommo Alto partecipò con i propri obici ad azioni offensive contro le posizioni italiane dislocate tra monte Maronìa e l'altopiano dei Fiorentini. La sua azione più incisiva si ebbe nel maggio del 1916 in occasione dell'Offensiva di Primavera (Strafexpedition). Non fu mai preso d'assalto dalle fanterie italiane e in prossimità della ritirata, nel novembre 1918, aprì il fuoco contro le linee nemiche fino all'esaurimento delle munizioni.

La struttura fortificata

Chiamato dagli Austroungarici Werk Sommo, fu progettato dal Capitano della Stato Maggiore del genio Schönherr che ne diresse anche i lavori di costruzione. Costò 982.000 corone austriache, armamento escluso. E' strutturato su tre piani: il piano interrato da cui si dipartono i tunnel che portano alle postazioni avanzate, il piano terra che ospitava gli alloggi della truppa ed i locali di servizio (centrale elettrica, telefonica, depositi etc.) e il blocco batterie, al primo piano, sotto la copertura di calcestruzzo, collegato alla torre osservatorio e agli obici in cupola. Privo di fossato, era protetto da un muro e da un terrapieno di cui oggi è visibile il basamento.

Come gli altri forti era una struttura del tutto autonoma, capace di operare in completo isolamento con l'esterno. Era dotato di un generatore diesel che forniva l'elettricità per l'illuminazione interna, per i riflettori e per i ventilatori mentre l'approvvigionamento idrico era dato da due cisterne capaci di una riserva di 380 ettolitri ciascuna, alimentate da un acquedotto e apparato di pompaggio. Era collegato telefonicamente con la centrale di Folgaria e disponeva di un sistema di trasmissione di segnali ottici con Forte Cherle, Forte Dosso del Sommo e con la linea arretrata di monte Cornetto. La guarnigione del forte era composta da 6 ufficiali e 162 uomini di truppa.

L'armamento e le postazioni avanzate - L'armamento principale era dato da due obici da 10 cm - mod. 09 - collocati in cupole girevoli in acciaio (spessore di 25 cm), inframmezzate da una cupola osservatorio. L'armamento secondario disponeva invece di 18 mitragliatrici modello 07/12 delle quali 14 in corazza fissa.

Il collegamento con le postazioni avanzate, disposte a settentrione e ad oriente del forte, era reso possibile da due tunnel: quello orientale di circa 100 m e quello settentrionale, sviluppato su rampe di scale, di circa 200 m. Un'eventuale evacuazione della fortezza era invece resa possibile da una galleria di sicurezza che si stacca ad ovest del complesso fortificato.

Forte Sommo Alto - PiantineForte Sommo Alto - Piantine


 

Data visita: 23/06/2007
Creato il: 26/08/2007
Aggiornato il: 25/10/2007

Autore: Corrado DZ.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »
Seggiovia
Parere mio ma penso condiviso da tanti altri: boiccottiamo le seggiovie e gli impianti di risalita che hanno devastato le montagne della grande guerra!!!
Giovanni # 13/03/2011 20:27:38
Video visita alla poterna principale settembre 2010
http://www.youtube.com/watch?v=U2eFzCq7XQQ

Sembra quasi di tornare indietro nel tempo e rivivere in quei luoghi la difficile quotidianità di cui queste opere corazzate furono protagoniste assieme a soldati che vi vissero e vi morirono, ieri macchine poderose di offesa per bloccare i desideri nemici ed oggi rimaste mute testimonianze di un lungo periodo di guerra.
Carlo # 28/10/2010 21:08:07
Le gallerie sono ancora ben percorribili con pila da 250 lumen
Abbiamo visitato il forte nelle tre gallerie centrale e nelle due laterali. La centrale e' perfettamente percorribile e molto ascitta, serve comunque una torcia abbastanza potente per essere almeno tranquilli sotto il profilo della luminosita' il buio altrimenti e' completo essendo lunga nei due tronconi almeno circa 170 metri.
Le due laterali percorribili anch'esse presentano pero sulla parte di sinistra una frana creatasi a circa meta percorso e alal fine dell'intera galleria non vi sono sbocchi d'uscita , mentre dalla galleria di destra dopo averla percorsa interamente essendo ben conservata si sbocca alle postazioni.
Carlo # 12/10/2010 23:06:54
Forte Inagibile
Confermo la chiusura del forte, anche se non ne comprendo i motivi. Ho visitato ugualmente il forte entrando dall'osservatorio centrale, in quanto il passaggio era già stato aperto, ho percorso i corridoi e tutto sembra essere esattamente come mostrato dalle foto di questa pagina. Non ho però visitato le gallerie che portano alle postazioni avanzate.
La strada di accesso al forte, lato passo Coe, è vietata al transito, a partire dal Rifugio Camini, quindi si deve procedere a piedi con una facile passeggiata di circa 20min.
Fare attenzione a dove si parcheggia: parcheggio a pagamento! (0,50Euro/h).
Luca # 13/09/2010 08:36:40
Forte Chiuso
Purtroppo il forte non è più visitabile all'interno in quanto è franato e tutte le vie di accesso sono sbarrate e ci sono cartelli che ne vietano l'ingresso ... ovvio che volendo uno può anche entrare da qualche "buco" ma a suo rischio e pericolo.
Inoltre volevo aggiungere che la seggiovia per salire ci impiega 15 minuti e costa 5.5Euro solo andata e 8 Euro A/R (ad oggi).
Ciao e complimenti per il sito, mi piacerebbe essere come voi ...
Roberto # 20/08/2010 14:24:57


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -