Campo trincerato Asmara

il Caposaldo recuperato (m 230)

 

Siamo in una zona dove la Grande Guerra ha lasciato molte testimonianze, sia da parte Italiana, che da parte Austriaca, sul lato sinistro del caposaldo, si trova il Monte Zugna, luogo dove i due eserciti nel punto del trincerone Italiano si trovavano a pochi metri, di fronte il Monte Vignola con le sue testimonianze, in questa zona per riuscire a visitare questo pezzo di fronte ci vorrebbe moltissimo tempo ... ma ora dedichiamoci a questo caposaldo Austriaco: il Caposaldo dell'Asmara.

Come prima cosa due tabelloni mostrano come si sviluppa il caposaldo

Cartello illustrativoCampo trincerato Asmara

Sulla strada si nota un cartello che indica la nostra destinazione, la strada in salita porta ad un aerea pic nic, dove si parcheggia e in meno di 5 minuti si arriva alla prima postazione fucilieri, con la casamatta

La strada che sale al nostro caposaldoL'area pic nicIl sentierola prima postazione fucilieri, con la casamatta

Arriviamo alla prima postazione, la quale con un sistema di scale e gallerie è collegata alle altre postazioni fucilieri

La casamattaLa prima postazione fucilieriInterno della casamattaInterno casamattaPanoramaLa prima postazione fucilieri

La scala che arriva alla seconda postazione fucilieri

Scalinata d'accessoseconda postazione fucilieriseconda postazione fucilieri

Si passa ancora da una piccola galleria e si arriva alla terza postazione fucilieri

PassaggioTerza postazioni fucilieriTerza postazioni fucilieriPanorami

Continuando a destra si esce sulla terza postazioni fucilieri, se invece si seguono le scale si prosegue per la quarta postazione fucilieri

RiservettaScalinataUscitaTerza postazione fucilieriTerza postazione fucilieri

Ora si segue la scalinata per la successiva postazione

ScalinataUscitaUscitaQuarta postazioni fucilieriQuarta postazione fucilieriVista sulle postazioni precedenti

A fianco di questa troviamo un ulteriore postazione per fucilieri, la numero undici

Undicesima postazione fucilieriUndicesima postazione fucilieri

Proseguiamo verso la quinta postazione fucilieri

Quinta postazione fucilieriQuinta postazione fucilieriPostazione mitragliatriceQuinta postazione fucilieriEntrata

Si continua nella galleria

GalleriaSesta postazione fucilieriSesta postazioni fucilieri

Andiamo avanti

PassaggioSettima postazione fucilieriSettima postazione fucilieri

Finita la postazione si attraversa un piccolo passaggio per visitare la prossima postazione fucilieri

PassaggioPassaggioUscitaOttava postazione fucilieriOttava postazione fucilieri

Qui troviamo due passaggi, uno attraverso la galleria sbuca alla postazione fucilieri numero dieci, l'altro conduce nella postazione a fianco

Entrata alle galleriePassaggioEntrataUscita alla nona postazione fucilieri

Eccoci alla nona postazione fucilieri dove al di sopra si nota la vecchia villa Asmara ormai diroccata

Nona postazione fucilieriLa vecchia villaPassaggio fra due trincee

Vista questa si entra in galleria

GalleriaGalleriaEntrata o uscitaEntrata o uscita

In questa galleria troviamo a destra l'uscita che porta sul retro, ma proseguendo nel corridoio che poi piega a sinistra possiamo visitare il deposito, con gli alloggi per i soldati

Deposito/alloggioDeposito/alloggioGalleriaEntrata o uscita

Usciti ritorniamo verso la casamatta, ma deviando a sinistra possiamo visitare la decima postazione fucilieri e ritornare tramite galleria alla postazione fucilieri numero nove

Decima postazione fucilieriDecima postazione fucilieriPostazione mitragliatrice

Visitata la postazione percorriamo la galleria con le sue biforcazioni e dopo un primo tratto usciamo a destra, dove ora troviamo un'uscita, ma una volta la galleria continuava fino alla postazione fucilieri numero undici

GalleriaTrincea o uscita

Ritorniamo indietro e percorriamo le gallerie, a sinistra verso un'uscita, a destra alla postazione numero nove

GalleriaGalleriaUscita trincee

Fatte queste gallerie abbiamo quasi terminato con la visita al caposaldo, rimane da vedere solo la parte sommitale del colle, con i ruderi di villa Asmara, la croce in ricordo dei caduti e la bandiera del Tirolo

Il colle, con le trincee sotto, la villa e le grate dove al di sotto passano le gallerie.La croceLa bandiera del Tirolo

La vecchia villa Asmara

Villa Asmara 1911La vecchia villa

Volendo c'è un piccolo fuori percorso da fare è il comando di questo caposaldo, che rimane nella zona dietro

Il comandoSede ComandoComandoLocali ComandoLocali Comando

A sinistra il Colsanto con a destra il Monte Zugna

A sinistra il Colsanto a destra il Monte Zugna

Con questo panorama su di un pezzo di fronte del 14/18 vi salutiamo e ci vediamo alla prossima pagina

Panorama

 


 



Tempi di percorrenza:

Qui sono brevi, si arriva sotto al caposaldo in macchina e in 5 minuti siamo già ai primi trinceramenti


 



Collocazione geografica:

Il caposaldo si trova nei pressi dell'abitato di Ravazzone (Mori) sulla parte destra del fiume Adige, il caposaldo dell'Asmara era parte della linea austro-ungarica che dal monte Biaena scendeva verso l'Adige


 



Come si raggiunge:

Dall'uscita autostradale di Rovereto Sud seguite le indicazioni per Mori, entrate in paese restando sulla SS240 fino ad arrivare alla Bauexpert di fronte c'è un incrocio, prendete a sinistra quindi proseguite nella stradina che attraversa la frazione, dopo circa 700 mt sulla sinistra c'è il cartello con l'indicazione per le trincee Asmara con la strada che sale, prendiamola fino all'area pic nic dove possiamo trovare parcheggio

Da questo incrocio a sinistra mancano 900 mt. per il caposaldo, a destra c'è lo stabilimento Bauexpert, dritti verso Trento

Incrocio per caposaldo Asmara, a sinistra 200 mt. e si raggiunge il parcheggio, dritti si prosegue per Trento


 



Mappe Interattive:



Campo trincerato Asmara
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Trento
Comune:Mori
Coordinate punto di arrivo:45.86661 - 10.99782
(45°51'60" N - 10°59'52" E)
Coordinate parcheggio:45.86753 - 10.99695
(45°52'3" N - 10°59'49" E)
Altitudine di partenza (m):210
Altitudine di arrivo (m):230
Dislivello (m):20
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
5 minuti
Ore in mountain bike (andata e ritorno):2 minuti
Km totali:0,3
Come si raggiunge:A piedi, In mountain bike
Tipologia:Storico




Storia: tratta da cartello in loco:

Il caposaldo Austriaco dell'Asmara che si trova poco sopra l'abitato di Ravazzone di Mori, fu edificato nel 1915 dalla ditta di costruzioni Zontini supportata da manovalanza locale militarizzata; doveva essere una prima linea di difesa, nel caso l'italia avesse attaccato il Tirolo cosa che poi nel maggio dello stesso anno successe realmente. La collina dell'Asmara fu armata dall'esercito Austriaco con due cannoni da montagna da 7 cm e 4 mortai da 15 cm, alcune mitragliatrici e un paio di grossi fari.

Il 23 maggio quando l'italia dichiarò guerra all'Austria, gli StandSchützen di Brixen/Bressanone supportati da alcune compagnie di Standschützen lagarine furono dislocate presso il caposaldo dell'Asmara.

Nel 1916 l'Asmara arrivò ad ospitare più di 320 soldati austro-ungarici. Oltre al battaglione degli StandSchützen di Brixen, troviamo anche tirolesi di lingua italiana (trentini) Ungheresi e gendarmi.

L'Asmara era divisa in due settori, l'Asmara di sotto (unter asmara) e l'Asmara di sopra (ober Asmara). Nella primavera del 1916 con l'offensiva di Maggio, da parte Astriaca l'Asmara divento da primissima linea a seconda linea e piano piano il suo ruolo divenne sempre più marginale.

È anche importante ricordare che dall'Asmara partì l'offensiva per riconquistare Mori finita in mani italiane, la riconquista andò a buon fine grazie anche alla Standschutzen delle compagnie Vallarsa-Trambileno.

Nel 1918 con la firma dell'armistizio che doveva far cessare i combattimenti gli austriaci deposero le armi e l'esercito italiano avanzò facendo molti prigionieri tra i soldati austro-ungarici.

Un piccolo aneddoto: si è sempre detto che all'Asmara nel novembre del 18 con l'avanzata dell'esercito italiano non ci fu nessun scontro a fuoco, ma in alcuni diari di persone di Patone (TN) si legge testualmente: "l'esercito italiano sta avanzando, solo all'Asmara si odono scontri a fuoco".


 

Data visita: 16/04/16
Creato il: 31/03/2018

Autore: Denis B.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -