Novegno - Priaforà

Arco naturale e postazioni italiane della Grande Guerra (m 1659)

 

Per raggiungere il Monte Priaforà dall'osservatorio astronomico (nella conca del Novegno) ci vuole circa un'ora. In alcuni tratti la salita è impegnativa, si può arrivare in mountainbike quasi fino all'arco naturale, poi si prosegue solo a piedi.

Novegno - Priforà - Sentiero di avvicinamentoNovegno - Priforà - Sentiero di avvicinamento, Priaforà è la cima più lontana

Novegno - Priforà - Sentiero di avvicinamentoNovegno - Priforà - Sentiero di avvicinamento

Eccolo, un arco naturale con un'altezza di circa 5 metri di altezza visibile anche dal SS 349 del Costo mentre si sale verso Asiago (in linea d'aria dista 8,5 Km e si vede come un puntino bianco appena sotto la cima del monte).

Novegno - Priforà - Arco naturaleNovegno - Priforà - Arco naturaleNovegno - Priforà - Arco naturale

Attraversato l'arco si trovano delle postazioni della prima guerra mondiale.

Novegno - Priforà - postazioni militari nei pressi dell'arco naturaleNovegno - Priforà - postazioni militari nei pressi dell'arco naturale

Dall'arco naturale si sale ancora per arrivare alla cima del monte. Purtroppo il tempo non era dei migliori e le nuvole ci hanno nascosto il panorama che avremmo potuto vedere (qui è visto dal vicino Monte Rione). Poco importa vista la simpatica compagnia che abbiamo conosciuto mentre pranzavamo, ci siamo spartiti vino, dolce e caffé corretto.

Novegno - Priforà - Verso la cimaNovegno - Priforà - Verso la cimaNovegno - Priforà - Verso la cima

Novegno - Priforà - Verso la cimaNovegno - Priforà - Verso la cima

Ma qualche schiarita ci ha permesso di vedere almeno i paesi sottostanti

Novegno - Priforà - PanoramiNovegno - Priforà - Panorami

Nei pressi della cima (in posti poco accessibili) varie caverne, ricoveri e postazioni della prima guerra mondiale.

Novegno - Priforà - costruzioni della Prima Guerra MondialeNovegno - Priforà - costruzioni della Prima Guerra MondialeNovegno - Priforà - costruzioni della Prima Guerra Mondiale

Novegno - Priforà - PostazioniNovegno - Priforà - Postazioni

Novegno - Priforà - un gioco della natura

Ma oltre alle grotte scavate dall'uomo ci sono anche grotte naturali

Novegno - Priforà - grotta naturale

La grotta più importante e maestosa (che probabilmente verrà ripulita per facilitarne la visita) è a qualche centinaio di metri dall'arco naturale e sede di una batteria di cannoni.

Novegno - Priforà - Ingresso alla batteria di cannoniNovegno - Priforà - Ingresso alla batteria di cannoniNovegno - Priforà - Ingresso alla batteria di cannoni (foto storica)

La galleria è molto ampia e lunga, dopo una cinquantina di metri si biforca per poi riunirsi nelle 4 postazioni per i cannoni.

Novegno - Priforà - interno della galleriaNovegno - Priforà - interno della galleria

Particolare veramente interessante, ritrovato in alcune stanze scavate nella roccia, sono i resti di come queste grotte erano rivestite di tavole per rendere l'ambiente asciutto. Alcune file di cunei in legno piantate sulla roccia permettevano di fissare delle tavole al soffitto e alle pareti ed infine veniva fatta una base in cemento per la pavimentazione (probabilmente anche questa rivestita).

Novegno - Priforà - dettagli costruttiviNovegno - Priforà - dettagli costruttivi

Le postazioni per i cannoni sono molte ampie, ed in alcuni posti si ritrovano anche delle scritte dell'epoca.

Novegno - Priforà - postazione per cannoneNovegno - Priforà - postazione per cannone (foto storica)

Novegno - Priforà - postazione per cannoneNovegno - Priforà - iscrizioni

Particolare interessante è una piccola trincea fortificata in muratura, a difesa dell'ingresso, che ci dava l'impressione di un fortino messicano.

Novegno - Priforà - trincea fortificataNovegno - Priforà - trincea fortificata


 



Come si raggiunge:

Da Schio (VI) seguite le indicazioni per Bosco di Tretto - S. Caterina. Arrivati alla contrada Rossi troverete la strada bianca che porta al Monte Novegno.


 



Mappe Interattive:



Novegno - Priaforà
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Vicenza
Comune:Posina
Coordinate punto di arrivo:45.78649 - 11.31969
(45°47'11" N - 11°19'11" E)
Altitudine di arrivo (m):1659
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi (esclusa visita):2 ore
Come si raggiunge:A piedi, In mountain bike
Tipologia:Naturalistico, Paesaggistico, Storico, Panoramico




Storia: (dal Web)

Dopo la caduta del Col Santo, le truppe alpine austriache dilagano nella valle del Leno di Terragnolo e, superato il Colle della Borcola, nella Val Posina. Anche le alture a Est del Posina che guardano Tonezza e la conca di Laghi vengono occupate dai Kaiserjaeger. Il tentativo iniziale della 18a Brigata Alpina A.U. è quello di aggirare il Pasubio attraverso Bocchetta Campiglia e Colle Xomo e quindi scendere verso Schio e la pianura veneta.

Il 25 Maggio 1916 iniziano aspri combattimenti sotto gli ampi terrazzi di Colle Xomo e le pendici di Monte Alba, che dureranno fino alla metà di Giugno. Gli AustroUngarici guadagnano terreno, ma la linea principale, validamente difesa dai reparti della 27a Div. Italiana (Brigate Sesia, Sele e Volturno) non dà segni di cedimento. La lotta si sposta più a Est, verso monte Spin, propaggine sinistra del Gruppo del Novegno e quindi, dopo la caduta delle alture in riva sinistra del Posina, Monte Majo, Altopiano di Tonezza, Monte Cimone, la linea italiana si porta sulle alture in riva destra (28 Maggio).

Il 29 Maggio, preceduti da forte bombardamento d'artiglieria, gli Austriaci (Battaglioni Kaiserjaeger) riprendono furiosi attacchi contro i ripidi versanti della dorsale montuosa. Il 30 Maggio 1916 la linea italiana viene intaccata con la perdita del Priaforà, propaggine Nord del Novegno.

Ultimo giorno di Maggio: la linea italiana, difesa nella zona del Novegno dalla 35a Divisione e dalla 9a Div. più a Est, corre dalla cresta di questo per scendere fino a passo Campedello e risalire al trincerone di Monte Giove, di fronte al Priaforà. Da qui la linea corre sulla sommità dei Colletti di Velo per entrare in Val d'Astico davanti al paese di Velo d'Astico, abbandonato.

Quindi la linea prosegue per il fondo valle fino alla frazione Seghe di Velo e, passato l'Astico al ponte di Schiri, risale le pendici di Monte Cengio.

Gli attacchi austroungarici riprendono i primi di Giugno soprattutto contro Monte Giove e i Colletti di Velo, ma il forte sbarramento di artiglieria italiano, specie delle batterie piazzate sul Monte Summano, impediscono seri vantaggi per il nemico.

Il 12 Giugno un formidabile schieramento di artiglieria posto soprattutto sull'altopiano di Tonezza, apre la strada all'attacco delle fanterie austriache contro il trincerone di Monte Giove. La linea italiana sembra cadere, ma un provvidenziale sbarramento di artiglieria costringe gli austriaci a riparare nelle proprie trincee.

Al mattino del 13 riprende l'attacco a.u., ma anche questa volta si spegne contro le ormai provate truppe italiane che vengono nei giorni successivi rinforzate da rincalzi.

A metà Giugno inizia la controffensiva italiana sull'Altopiano di Asiago e anche nel settore Posina le ormai stanche fanterie a.u. si ritirano su una linea più facile da difendere, che si svolge sulla sinistra del Posina dal Monte Majo al Cimone. Il Priaforà viene rioccupato dagli italiani e anche la conca di Arsiero, abbandonata dagli Imperial-Regi viene rioccupata dalle truppe italiane.

Con la successiva conquista del Cimone da parte italiana e la riconquista austriaca con lo scoppio della nota mina, il fronte si assesta sulle posizioni che resteranno immutate fino al 1918.


 

Data visita: 12/10/2007
Creato il: 24/01/2008

Autore: Corrado DZ.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »
Re: Visita al Ridotto del Priaforà
Grazie Carlo per gli aggiornamenti.
Per le foto ti scrivo direttamente.

Corrado
Corrado # 10/10/2016 13:25:32
Visita al Ridotto del Priaforà
Ciao Corrado,
finalmente sono riuscito a salire al Novegno e a raggiungere sia le gallerie delle cannoniere sotto il Priaforà, sia quelle postazioni a mezza costa vicino all'arco naturale. Queste ultime sono un po' difficili da raggiungere, perché la vegetazione la fa da padrona un po' ovunque, però sono riuscito a entrare anche lì, attraversando una breve galleria che comunica con una postazione per mitragliatrice (con relativa craniata contro un punto basso della volta!) e sbocca in una trincea scoperta. Le gallerie direi che sono in buone condizioni. Non le ho trovate molto diverse da come si vedono nelle vostre foto...sono davvero imponenti gli spazi per i cannoni e l'estensione della struttura! Bellissima e strana quella trincea armata...sembra davvero un fortino messicano! Peccato che raggiungere i livelli superiori sia difficile, e da fare a proprio rischio, dal momento che bisogna uscire dalle feritoie dei cannoni e risalire il pendio tra una vegetazione che sconsiglia vivamente l'impresa! Ho sentito che è in corso un progetto di recupero dell'intero complesso del Ridotto, per permetterne la visita completa, ma non credo sarà realizzato in tempi brevi!
Una volta sistemato, però, credo che la visita sarà interessantissima, considerata l'articolazione della struttura e la sua vastità complessiva. Ti ringrazio ancora per le indicazioni! Se può interessarti qualche foto che ho scattato in zona, basta che me lo dica e te le farò avere volentieri.
Un cordiale saluto.
Carlo
Carlo # 07/10/2016 14:43:42
Grazie delle indicazioni!
Ciao Corrado,
ti ringrazio per le preziose indicazioni! Conto di andare quanto prima...appena fatto vi aggiornerò sulla situazione :-)
Carlo # 26/09/2016 20:18:21
Re: Qualche indicazione
Ciao Carlo,
le postazioni di artiglieria si trovano proprio sotto al Priforà. Il sentiero per arrivarci è la continuazione della strada militare. In effetti bisogna salire a destra della strada per poter raggiungere la cima, se invece prosegui ti trovi all'ingresso delle gallerie. Questa deviazione si trova una cinquantina di metri sotto all'arco naturale.
Per le altre postazioni/ricoveri nei pressi della cima devi prima avvicinarti all'arco naturale; da li, senza oltrepassare l'arco, il sentiero prosegue a sinistra verso la croce. Mentre sali vedrai sulla destra un passaggio in costa con già delle prime costruzioni.
Buona escursione e se possibile aggiornaci sullo stato del sentiero e delle gallerie.
Grazie
Corrado
Corrado # 26/09/2016 13:53:17
Qualche indicazione...
Da tempo seguo gli interessanti resoconti delle vostre escursioni, e poco tempo fa sono salito al Priaforà, ma le condizioni meteo mi hanno costretto ad affrettare il rientro. Vorrei ritornare in zona e vi chiedo se mi potete dare qualche indicazione precisa per individuare l'accesso alla galleria con le postazioni per i cannoni e gli altri ricoveri e postazioni nei pressi della cima. Grazie e complimenti...continuate così! :-)
Carlo # 26/09/2016 11:46:51


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -