Monte Pasubio - Strada delle 52 Gallerie

Ardita mulattiera della Grande Guerra (m 1928)

 

Abbiamo percorso la Strada delle 52 Gallerie del Monte Pasubio in una giornata nuvolosa che non ci ha permesso di vedere lo splendido panorama ne tantomeno farci capire quanto scoscesa è la montagna e la difficoltà che hanno avuto nel realizzare questo splendido tracciato in costa.

Il tracciato è percorribile solo a piedi, è mantenuto dagli Alpini e recentemente sono state aggiunte delle tabelle sulla storia di questa meraviglia a cura dell'Ecomuseo della Grande Guerra.

L'inizio del percorso si trova a Bocchetta Campiglia, dove ci sono un paio di parcheggi a pagamento.

Alle 9 del mattino il primo parcheggio era già pieno a dimostrazione di quanta gente ha la passione della montagna e della storia che di questi luoghi.

Pasubio - Strada delle 52 GalleriePasubio - Strada delle 52 Gallerie

Il sentiero comincia subito in salita e dopo un centinaio di metri si trovano le prime tabelle sulla descrizione storica di questo sentiero.

Pasubio - Strada delle GalleriePasubio - Strada delle Gallerie

Pasubio - Strada delle Gallerie

La prima galleria, un monumentale ingresso ad un monumento lungo 6.300 metri. E' necessaria la torcia elettrica, molte delle 52 gallerie sono lunghe (la più lunga è di 320 metri) ed alcune sono particolarmente ripide ed impegnative.

Pasubio - Strada delle Gallerie

Pasubio - Strada delle Gallerie

L'ottava galleria presenta una diramazione sulla destra per una postazione da cannoni. Altre gallerie avevano delle aperture che potevano essere utilizzate, oltre che per l'illuminazione delle stesse, anche come possibili postazioni.

Pasubio - Strada delle Gallerie

Pasubio - Strada delle GalleriePasubio - Strada delle Gallerie

Tra la 18ª e 19ª galleria dei pozzetti permettevano di minare ed eventualmente far saltare parte del tracciato rendendo inutilizzabile la mulattiera.

Pasubio - Strada delle Gallerie

Spettacolare l'uscita della 20ª galleria, si commenta da sola anche con la nuvola che parzialmente la nasconde

Pasubio - Strada delle 52 Gallerie

Pasubio - Strada delle Gallerie

Qualche tratto con neve, prima di partire è meglio consultare il sito su Facebook del Rifugio Papa che indica lo stato dei sentieri del Pasubio.

Pasubio - Strada delle Gallerie

Finalmente siamo sopra alle nuvole

Pasubio - Strada delle Gallerie

Si comincia a vedere lontano e rimaniamo di stucco alla vista del Rifugio Papa che è alla fine della Strada delle Gallerie.

Pasubio - Strada delle GalleriePasubio - Strada delle GalleriePasubio - Strada delle Gallerie

Pasubio - Strada delle Gallerie

Dopo 3 ore siamo arrivati all'uscita dalla 52ª galleria alle Porte del Pasubio, ci meritiamo la foto di rito.

Pasubio - Strada delle Gallerie

Il nostro percorso prosegue con la visita a Cima Palon ed al Dente Italiano, ma questo andrà in un altra pagina.

Per il ritorno si può scegliere di ripercorrere le gallerie oppure utilizzare la strada degli Scarubbi. Abbiamo optato per la seconda soluzione essendo un tracciato più facile da percorrere anche se molto lungo. Il tempo impiegato è stato di 2 ore e 20 minuti con qualche scorciatoia.

Piacevole la presenza di camosci e del panorama sulla Val Posina.

Pasubio - Strada delle Gallerie

Pasubio - Strada delle GalleriePasubio - Strada delle Gallerie

Pasubio - Strada delle GalleriePasubio - Strada delle Gallerie

Descrizione dettaglia delle gallerie

Pasubio - Strada delle gallerie - Piantina

Pasubio - Strada delle 52 Gallerie - Luglio 2016Pasubio - Strada delle 52 Gallerie - Luglio 2016Pasubio - Strada delle 52 Gallerie - Luglio 2016


 



Come si raggiunge:

Esistono tre possibili vie d'accesso, tutte asfaltate e ben segnalate, che portano a Colle Xomo e da li si prosegue per altri 1,5 km verso Bocchetta Campiglia:

- da Schio (VI) prendendo la SS46 verso Rovereto dopo circa 17 km in località Ponte Verde si prende la strada a destra

- da Schio (VI) verso S.Caterina di Tretto, al tornate prima del paese si prosegue a sinistra

- da Posina (VI) si attraversa il paese seguendo la segnaletica


 



Mappe Interattive:



Monte Pasubio - Strada delle 52 Gallerie
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Vicenza
Comune:Valli del Pasubio
Coordinate punto di arrivo:45.77858 - 11.22798
(45°46'43" N - 11°13'41" E)
Coordinate parcheggio:45.77857 - 11.22806
(45°46'43" N - 11°13'41" E)
Altitudine di partenza (m):1216
Altitudine di arrivo (m):1928
Difficoltà del percorso:E - Escursionistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
4 ore 30 minuti
Come si raggiunge:A piedi
Tipologia:Naturalistico, Paesaggistico, Storico, Panoramico




Storia:

Tra le mulattiere di guerra che salgono al Pasubio, la Strada delle Gallerie o della Iª Armata, che da Bocchetta Campiglia (mt.1216) conduce a Porte del Pasubio (mt.1928), rappresenta un percorso di straordinario interesse storico e ambientale.

La sua realizzazione è definita impresa dei giganti, che nessun'altra opera eguaglia su tutta la fronte europea, miracolo di ardimento e lavoro di incomparabile grandiosità, vera e propria meraviglia nei fasti dell'ingegneria

militare. Fu certamente il risultato di tenaci volontà, di lavoro esemplare, di sacrificio e abnegazione, di commovente spirito di emulazione fra le squadre dei genieri minatori addetti alla costruzione, come ebbe a sostenere il capitano Corrado Picone, allora comandante di quegli uomini.

Progettata dal tenente ing. Giuseppe Zappa per incarico del comando della Iª Armata, fu realizzata dalla 33ª compagnia minatori del 5° reggimento Genio e da 6 centurie di lavoratori militarizzati. La sua costruzione doveva sostituire, nella parte più esposta alle artiglierie austro-ungariche e più pericolosa al transito invernale per le numerose valanghe, la camionabile Ponte Verde-Colle Xomo-Bocchetta di Campiglia-Porte Pasubio.

Le difficoltà furono molte. Tutta la parte rocciosa, quella rivolta verso la Val Leogra, si presentava quasi inaccessibile. Proprio nel primo tratto, dalla Bocchetta di Campiglia fino a quasi quota mt.2023 dei Forni Alti, correva una lunga cresta tormentata da pareti nude e verticali, da guglie vertiginose e da canaloni oscuri e profondi, che non era mai stata percorsa: la Bella Laita.

La sola opera di rilevamento topografico, compiuto in uno degli inverni più rigidi e nevosi del secolo, dovette superare difficoltà estreme.

I lavori iniziarono nel marzo del 1917 e furono portati a termine in pochi mesi. Ai primi di novembre l'opera era realizzata fino a passo di Fontana d'Oro (43ª galleria) e nel dicembre successivo giungeva alle Porte del Pasubio.

Il tracciato si svolge in una zona totalmente rocciosa. La sua lunghezza complessiva è di circa mt.6300, dei quali 2399 distribuiti in 52 gallerie e i restanti tagliati a mezza costa. La larghezza minima misura mt.2,20 e quella media mt.2,50; la pendenza media risulta del 12% e il raggio esterno minimo delle curve è di mt.3,00.

Le gallerie, illuminate elettricamente e mediante finestroni aperti nella roccia, consentivano il transito di salmerie sia con carico centrale che laterale.

Sul bordo esterno dell'intero tracciato ed in corrispondenza delle finestre in galleria correva una ringhiera in ferro tondo sostenuta da paletti a T.

Quattro gallerie sono a tracciato elicoidale, la 19ª è la più lunga, misurando mt.320, mentre la successiva passa a spirale, per quattro volte su se stessa, entro un gigantesco torrione ed è, senza dubbio, motivo di curiosità e meraviglia per quanti percorrono la Strada.

La Strada della Iª Armata, attraversando le Porte del Pasubio, si accorda alla rotabile della Val di Fieno, che conduceva alle posizioni della Lora e del Cosmagnon attraverso la Strada degli Eroi con altre undici gallerie e completa, con la galleria dedicata al gen. D'Havet, il già straordinario percorso. La Strada delle 52 gallerie in 6 chilometri supera dunque oltre 800 metri di dislivello.

Circa la sua efficacia, dal punto di vista strategico, basti dire che gli austriaci, perfettamente informati di ogni cosa, considerarono impresa vana e disperata ogni attacco.

I lavori iniziati in pieno inverno con una ventina di uomini arrivarono, nel periodo aprile-settembre 1917, nel tratto B.Campiglia-Fontana d'Oro, ad impegnare non meno di 600 persone. L'apertura della Strada richiese quasi esclusivamente lavori di mina, furono usati martelli perforatori ad aria compressa, l'erogazione della quale proveniva dall'impianto di Malga Busi. L'aria veniva compressa e spinta nella tubazione (con pressione di circa 5/6 atmosfere) da 2 motori da 100 e 60 HP ad olio pesante.

A Malga Busi era collocato anche l'impianto elettrico, con la cabina di trasformazione a Fontana d'Oro, che provvedeva all'illuminazione delle gallerie. L'esplosivo adoperato fu, a seconda della disponibilità dei magazzini di rifornimento, gelatina, cheddite, echo, salubite, vibrite e polvere nera.

Naturalmente tutto questo comportò l'organizzazione di un cantiere che previde la costruzione di grandiosi baraccamenti, di numerosi telefori (teleferiche a mano), la sistemazione di sentieri di servizio e di accesso al lavoro e lo stendimento di chilometri di tubi per l'erogazione dell'aria compressa. Opera questa che culminò nella posa della grande tubazione, issata per la Val Camossara e dalla quale si diramavano le tubazioni secondarie, da una parte verso la Bella Laita e dall'altra verso Fontana d'Oro ed il Soglio Rosso.

 

INQUADRAMENTO STORICO AMBIENTALE - IL PASUBIO

Perno centrale delle Prealpi Venete, il Pasubio è un massiccio calcareo, compatto dalla possente struttura perfettamente circoscritta ed esaltata da profondi solchi vallivi che gli conferiscono una precisa identità. L'insieme del massiccio è infatti circoscritto dalle vallate del Leogra, del Posina, del Leno di Terragnolo e del Leno di Vallarsa. Le pendici del monte sono molto scoscese, di carattere prettamente dolomitico e dalle caratteristiche guglie, forre e gole, soprattutto sul versante meridionale. La parte sommitale è invece un ampio e ondeggiato altipiano in cui si alternano crinali brulli e rocciosi ed ampie conche prative, con una serie di alture superiori ai 2000 metri di quota.

La displuviale è costituita dalla serie di cime che, dal Soglio dell'Incudine (mt.2114) vanno al Col Santo (mt.2112), attraverso Cima Palon (mt.2232) massima sommità del massiccio, passando per i Denti italiano e austriaco (mt.2220 e mt.2203), M.te Roite (mt.2144) e M.te Testo (mt.1998). Dall'asse principale di cresta si staccano vari rami culminanti sul M.te Forni Alti (mt.2023), sul M.te Corno di Pasubio (mt.2141) e sul M.te Roite, che insieme ad altre cime minori creano vaste conche fra le quali l'alpe Pozze, l'Alpe Cosmagnon e, verso le Porte, l'Alpe Pasubio. Dalla cima del Palon si gode uno scenario meraviglioso, lo sguardo può spaziare sulla pianura vicentina e veneta fino alla laguna di Venezia e all'Appennino emiliano, sugli Altipiani d'Asiago e di Tonezza, sulle dolomiti bellunesi e trentine, sui ghiacciai dell'Adamello e della Presanella, sui gruppi del Sengio Alto, Carega e Tre Croci, sul M.te Baldo e Lessini veronesi. Una grandiosa rete di strade, mulattieri e sentieri percorre il massiccio da ogni lato, fornendo una vastissima gamma di itinerari d'accesso.

L'attuale limite amministrativo fra le province di Vicenza e di Trento ricalca esattamente anche sul Pasubio il confine politico esistente fino al 1918 fra Italia e Austria-Ungheria. Fu questa la premessa all'eccezionale ruolo strategico che questo luogo ricoperse durante la Grande Guerra, diventando la montagna più accanitamente contesa fra tutte sul fronte alpino.

Tra la fine del maggio 1915 e il successivo dicembre, le truppe italiane contestualmente alla progressiva ritirata delle esigue forze austro-ungariche, occuparono l'intero massiccio del Pasubio arrivando a breve distanza da Rovereto. Simile avanzata compiuta in un settore al quale era stato affidato un compito strettamente difensivo, assunse allora aspetti esaltanti, costringendo però a fermarsi davanti alla linea di massimo arretramento prevista dagli Imperiali. Linea dalla quale gli austroungarici, il 15 maggio 1916, sferrarono la grande "Offensiva di Primavera" destinata a passare alla storia col termine di "Strafexpedition", ormai unanimemente riconosciuta come una delle più grandi battaglie che mai si siano combattute in montagna.

Cominciava esattamente in questo momento, l'epopea del Pasubio. Nel volgere di pochi giorni la battaglia si trasferiva prima sul Col Santo, e successivamente sulla sommità del monte, nel contempo attraverso le valli sottostanti gli Austro-Ungarici tentavano l'avvolgimento e, mentre in Vallarsa la loro pressione veniva bloccata all'altezza degli abitati di Parrocchia e Zondri, non altrettanto accadeva in Val Posina dove essi si accostarono pericolosamente al Colle Xomo e a Bocchetta Campiglia intercettando la rotabile degli Scarubbi.

Sul versante occidentale gli Austriaci riuscirono ad impadronirsi quasi per intero dell'Alpe di Cosmagnon e del Ciglione Lora-Sogi. Al centro lo scontro si stabilizzava su due sommità rocciose che torvamente si fronteggiavano: fino a quel momento prive di nome, diverranno celebri come Dente Italiano e Dente Austriaco.

Su queste posizioni, strenuamente difese dagli italiani, il 17 giugno 1916 si esauriva lo slancio dell'offensiva austroungarica che, mancata la conquista del Pasubio, pesò in maniera determinante sul suo sostanziale fallimento.

Da allora il Pasubio divenne protagonista di una grandiosa vicenda storica che non trova paragoni sull'intera fronte tridentina e che trasformerà la montagna in quella che un combattente austriaco non esitò a definire la caldaia delle streghe.

Sull'asprezza dei combattimenti avvenuti in Pasubio le versioni tratte dai racconti, dalle memorie e dai diari sono concordi e si muovono tutte nello sfondo di una allucinante tragicità.

Dal giugno del 1916 al novembre del 1918 la vita su questo monte superò ogni possibilità di umana sopportazione.

Il vivere fu ben più duro che il morire.

Valga per tutti il racconto che, l'allora tenente Michele Campana nel suo "Un anno sul Pasubio" ci lascia di uno delle centinaia di episodi della battaglia combattuta fra italiani e imperiali dal 9 al 20 ottobre 1916 per il possesso del Dente Austriaco: Due batterie di nostre bombarde concentravano il fuoco sul camminamento che dalla "Casermetta difensiva" conduce al Dente. Vedemmo fra i nugoli di fumo saltar per aria pezzi d'uomini. In uno scoppio si scorsero proprio soltanto due gambe nel cielo divaricarsi. Tutta l'intera colonna dei nemici venne a farsi maciullare così, in quel passaggio obbligato dove minuto per minuto cadeva una nostra bombarda... Nessuno potrà mai dare una pallida idea della terribilità di quella mischia. Alcuni momenti si vedevano uomini avvicinarsi. Un obice faceva saltare in aria amici e nemici. La morte li coglieva insieme, nella stretta dell'odio. I duecento metri del Dente erano divenuti un formichio di esseri, non umani, ma sovrannaturali; demoni certo che correvano fra le rovine; sopravvivevano tra le fiammate delle bombe a mano e le eruzioni delle granate.

Nella vastissima memorialistica della guerra sul Pasubio ci sono pagine, come questa, che fanno un quadro di tutti i martiri, di tutte le crudeltà, di tutte le sofferenze e degli aspetti più spietati di una lotta che non aveva più niente di umano. Ad inasprire questa sorta di immenso calvario contribuì la natura ostile, che si accanì con terribili avversità. Inverni con temperature fino a 35 gradi sotto zero e abbondantissime nevicate, con spessori di quasi 10 metri, mutarono spesso l'aspetto della montagna; frane e valanghe seppellirono interi reparti rendendo proibitivi i già difficili accessi al monte.

 

 

Questa pagina è dedicata a papà ad un anno dalla scomparsa, che tante volte ci ha scarrozzato tra Rif.Papa e Rif.Lancia


 

Data visita: 05/06/2010 - 02/07/2016
Creato il: 02/09/2010

Autore: Corrado DZ.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »
Re: In un giorno? e consigli
Ciao Alex,
perdona il ritardo nella risposta, magari avete già fatto questo percorso.
I consigli da dare sono quelli classici per la montagna: scarponi, abbigliamento adeguato alle diverse condizioni atmosferiche, torcia elettrica e prudenza.
Corrado # 19/08/2016 15:52:44
In un giorno? e consigli
Salve a tutti! Io e la mia ragazza stiamo pianificando la nostra escursione sul suddetto percorso. Ci piace camminare e visitare aree interessanti per il loro impatto storico, giusto qualche mese fa' in un altro nostro giro a trovare i genitori in italia siamo andati al forte Punta Corbin (dove la proprietaria ci ha fatto da guida, bellissimo!) e al forte Belvedere.
Non siamo tuttavia esperti escursionisti, quindi presumo i nostri tempi di percorrenza saranno leggermente piu' lunghi necessitando probabilmente di piu' soste (e probabilmente almeno di un'oretta di sosta al rifugio).
La domanda e': che sia ancora un percorso facilmente fattibile in giornata?
Stiamo anche per comprare delle scarpe un po' piu' adatte, tipo da hiking altezza media e waterproof medio. Torcia abbiamo un faretto per la gopro, ma per emergenza magari portiamo una pila normale anche.
Abbiamo in piano di andare durante la settimana cosi' dovrebbe esserci meno gente.
Fatemi sapere se avete consigli o altro!
Alex Rossi # 05/08/2016 17:34:55
Parcheggio a Bocchetta Campiglia
Da quest'anno il parcheggio costa 6 Euro. Il parchimetro funziona solo a monete e non è possibile cambiare.

Corrado
Corrado # 04/07/2016 13:46:44
Parcheggio
Riporto quanto indicato sul sito del comune di Posina relativo al parcheggio: "Dal 1 maggio al 31 ottobre di ogni anno il costo per il parcheggio di Bocchetta Campiglia è di € 5,00 ogni 24 ore pagabili esclusivamente con monete.".

Corrado

Corrado # 06/05/2015 09:00:53
Re: With bicycles
Hi George,
You cannot take the path with the bicycle, is forbidden but it is also dangerous.
Corrado # 04/01/2015 18:30:12
whit bicycles
Hello and Happy New Year!!!!
We have decided to go to this route with bicycles.
But can we pass thru the tunnels by bicycles?
Thank you!
George # 04/01/2015 13:24:44
Re: Domanda
Ciao Manuela,
ho messo percorso per escursionisti perchè ci sono comunque dei pericoli. Sei in un sentiero con un precipizio non indifferente e senza protezioni, in alcuni punti c'è il rischio di caduta di sassi dalla montagna e all'interno delle gallerie ci sono punti scivolosi.
E' percorribile meglio con scarponi che con scarpe da ginnastica, sicuramente torcia elettrica, e poi normale abbigliamento da montagna (con maglioncino, antivento ....).

Corrado
Corrado # 25/06/2014 12:58:26
Domanda?
Mi chiedevo... Ma se non si è escursionisti e' possibile lo stesso attraversare le 52 gallerie?cosa ci consigliate di portare?
Manuela # 25/06/2014 00:48:31
Certo che é possibile portare animali, a maggior ragione se c'è rispetto. Vi auguriamo un interessante escursione.
Saluti
Flavio # 25/05/2014 23:00:24
Non vedo l'ora di percorrere la strada delle 52 gallerie, chiedo se possiamo (essendo luogo sacro) portare un bassotto e un cocker, pulendo se sporcano ringrazio e saluto.
Stefano # 25/05/2014 21:18:06
Finalmente sono arrivate le vacanze.
Grazie a questo sito e alle vostre fotografie ho scoperto tanti posti belli per trascorrere una bella giornata in montagna.
Complimenti e grazie.
Pietro # 07/08/2013 14:25:46
Pasubio zona sacra dente italiano dente austriaco
Vi invito in queste giornate che si prestano a voler risalire alla zona sacra del Pasubio nei pressi della prima linea dove domenica 29 luglio sono stati inaugurati tutti i lavori di ripristino e risistemazione dei luoghi del Dente Italiano e del Dente Austriaco oltre alla selletta Comando.
Per riuscire in giornata a visitare comodamente suggerisco di salire con il pulmino da Pian delle Fugazze fino alla Galleria d'Havet e poi in pochi minuti raggiungere il rifugio Papa da li in circa 2:30 di cammino si raggiunge la zona della prima linea.
Consiglio calorosamente di ripercorrere quei luoghi siamo quasi vicini al centenario e la storia che hanno segnato merita di essere ricordata.

Ciao

Carlo
Carlo # 02/08/2012 09:40:40
un saluto
SEMPRE BELLO E INTERESSANTE IL CONTENUTO DI QUESTO SITO
APPROFITTO PER MANDARE UN SALUTO A TE CORRADO E ALLA TUA FAMIGLIA
NATURALMENTE SIETE SEMPRE FORTI CON QUESTA VOSTRA "CREATURA"
Vittorio # 12/09/2010 18:51:51
è uno dei percorsi più belli e carichi di fascino che ho visitato in vita mia.
Sono rimasto sconvolto dall'accesso che è stato costruito di recente: è orrendo e volgare, assolutamnete fuori luogo.
Luca Francato # 03/09/2010 14:06:49


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -