Forte Interrotto

Fortificazione italiana della Grande Guerra (m 1392)

 

Il forte si trova sopra l'abitato di Camporovere e si impone per la sua posizione dominante e strategica sull'altopiano di Asiago.

Visibilissimo dalla piana di Asiago e dal centro stesso, è quasi una meta obbligata per la curiosità che suscita. Per noi è una meta annuale, e la visita del 2012 ci ha portato a visitare l'opera ristrutturata, da tempo chiusa per i lavori, facendola riscoprire ed apprezzare ancora di più.

Più che un forte sembra quasi un castello medievale, ma al tempo della sua costruzione non si pensava ad un conflitto e non era ancora previsto ed era costruito solo come caserma di confine. Il confine con l'Austria era infatti a soli pochi chilometri.

Forte InterrottoForte Interrotto

Naturalmente il forte era tutto murato e dotato di ponte levatoio, le arcate sono visibili perché parte del muro era crollato anche in seguito a bombardamenti fatti dopo le guerre, utilizzato come bersaglio per le esercitazioni militari.

Forte Interrotto - Arcate frontaliForte Interrotto - Arcate frontali

Un buon forte, come un castello, deve avere il suo fossato. Lo scopo era quello di separare le mura il più possibile dal piano di tiro dei fucilieri, per evitare che il nemico, una volta troppo vicino, potesse a sua volta utilizzare le feritoie per sparare all'interno o per gettare bombe a mano o per ancorarsi nel tentativo di salire il muro.

Il fossato era difeso da altrettanti fucilieri posizionati nelle due torri, chi si fosse avventurato al suo interno sarebbe stato in serio pericolo.

Forte Interrotto - FossatoForte Interrotto - FossatoForte Interrotto - Torre

Forte InterrottoForte Interrotto - Fossato

Forte InterrottoForte Interrotto

L'armamento del forte era incerto, l'unica cosa certa è che queste feritoie dovevano servire per gli eventuali cannoni.

Forte Interrotto - Feritoie per cannoni

Alcune foto delle tabelle messe dall'Ecomuseo della Grande Guerra.

Forte Interrotto - Foto aerea degli anni '90Forte Interrotto - Foto d'epocaForte Interrotto - Pianta

L'interno è stato ripulito e reso sicuro. Un tempo la cisterna d'acqua, presente nel sottosuolo, era parzialmente crollata.

Forte Interrotto - Piazza d'armiForte Interrotto - InternoForte Interrotto - Piazza d'armi

Forte Interrotto - InternoForte Interrotto - Interno

 

Forte Interrotto - Feritoia fucilieriForte Interrotto - StallaForte Interrotto

Il panorama si apre verso Asiago, Cesuna, Tresche e la parte sud dell'altopiano.

Forte Interrotto - Sacrario di AsiagoForte Interrotto - Cesuna

L'escursione è molto facile ed è possibile sceglierne la durata in base al punto di partenza. Partendo da Camporovere ci vuole poco più di un ora per arrivare alla cima con la strada prima asfaltata, che fa apprezzare il panorama su Asiago, e poi a fondo naturale correndo all'interno del bosco.

Partendo invece dalla fine della strada asfaltata in prossimità del monte Rasta (quando termina l'asfalto, dopo il tornante c'è possibilità di parcheggio) l'escursione si riduce a circa mezz'ora.

 

Ma se a vederlo sembra un castello medievale, entrando nel bosco si trovano subito trincee, casematte e qualche grotta che lo riposizionano nel periodo storico della Grande Guerra.

Forte Interrotto - CasamattaForte Interrotto - CasamattaForte Interrotto - CasamattaForte Interrotto - CasamattaForte Interrotto - Casamatta

Proseguendo infatti la strada, a transito vietato, in direzione del Monte Mosciagh si trovano dopo pochi minuti delle casematte e ce ne sono delle altre all'interno del bosco al penultimo tornante prima di arrivare al forte.

Alcune piantine del forte, purtroppo sono state rimosse.

Forte Interrotto - PiantaForte Interrotto - Pianta

 

 

Foto aeree del 2021.

Forte InterrottoForte Interrotto


 



Come si raggiunge:

Dal centro dell'abitato di Camporovere (Roana-VI) prendere "via Monte Interrotto". La strada è asfaltata per i primi chilometri, poi diventa bianca. Percorribile in automobile (con un po' di cautela) fino al forte.


 



Mappe Interattive:



Forte Interrotto
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Vicenza
Comune:Asiago
Coordinate punto di arrivo:45.89716 - 11.4808
(45°53'50" N - 11°28'51" E)
Coordinate parcheggio:45.89264 - 11.48261
(45°53'33" N - 11°28'57" E)
Altitudine di partenza (m):1240
Altitudine di arrivo (m):1392
Dislivello (m):152
Difficoltà del percorso:Turistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
1 ora
Come si raggiunge:A piedi, In auto, In mountain bike, Ciaspole
Tipologia:Paesaggistico, Storico, Panoramico




Storia: (tratta dai tabelloni dell'Ecomuseo della Grande Guerra)

Il progetto di consolidamento e valorizzazione della ex caserma difensiva di M. Interrotto (impropriamente indicata con l'appellativo di Forte Interrotto), che pur essendo antecedente al Primo Conflitto mondiale venne direttamente coinvolta nelle vicende belliche e pesantemente danneggiata, è uno dei più importanti interventi previsti nell'azione di recupero dei manufatti della Prima Guerra Mondiale.

Costruito nella seconda metà dell'800 interamente in pietra, sull'omonimo monte che sovrasta l'abitato di Camporovere in posizione dominante l'intera conca centrale dell'altopiano dei Sette Comuni, il Forte Interrotto rappresenta indubbiamente un &caso& del tutto eccezionale dal punto di vista storico e architettonico.

Il Forte che sorge a quota 1392, nacque come grande e robusta caserma difensiva su un progetto di architettura militare che ricalcava ancora i canoni tardo medioevali, in un tempo in cui (1885 circa) le esigenze belliche stavano notevolmente progredendo.

Probabilmente armato con alcune mitragliatrici e con due cannoni da 120 mm in casamatta, secondo alcune fonti, o da due cannoni da 75B con affusto rigido, secondo altre, il forte, che all'inizio del conflitto e per tutto l'anno successivo non si trovò mai in zona di operazioni, fu occupato dagli austroungarici il 27 maggio 1916, durante "l'Offensiva di Primavera", e da questi mantenuto, trasformandolo in un caposaldo della linea imperiale, fino al termine del conflitto. Dalla disposizione delle feritoie il Forte era costruito per ospitare 4 pezzi di artiglieria e 115 postazioni per fucilieri per ognuno dei 4 lati.
Armato con qualche pezzo di piccolo calibro, la funzione del Forte divenne quella di importante osservatorio per le vicine batterie di cannoni. Collegato con il sottostante Monte Rasta, dove era insediato dagli austriaci un osservatorio circolare corazzato, Forte Interrotto fu dotato di un potente riflettore.

All'interno trovavano spazio, oltre alla guardiola ubicata all'ingresso, le cucine, i depositi per i viveri, per il legname e per le munizioni, un pozzo, un piano di raccolta dei serbatoi in corrispondenza con la piazza d'armi e una stalla per cavalli.

 

Storia tratta dai precedenti tabelloni, ora rimossi, riportavano:

Costruito nel 1885 prevalentemente in pietra e muratura di laterizio, svolgeva la funzione di caserma e di osservatorio.

Secondo fonti austriache era armato con due cannoni da 75 mm. B. con affusto rigido e con quattro mitragliatrici. Cadde in mano austriaca il 22 maggio 1916 e vi rimase fino al termine del conflitto. Fu quindi adattato come osservatorio sull'Altopiano (con l'apposizione di alcuni fari) e dotato di qualche pezzo di piccolo calibro.

Subì gravi danneggiamenti oltre che dalle granate della Grande Guerra anche dal tiro dei proietti delle esercitazioni militari degli anni '60.

La caserma difensiva di monte Interrotto, situata a quota 1392 metri, venne costruita dall'esercito italiano negli anni 1883-85 su ordine del generale Piannel.

Questo tipo di costruzione, con l'uso prevalente della pietra e del laterizio, rispecchia la tipologia costruttiva delle prime fortificazioni di fine '800 la cui funzione era, al pari del Forino della Tagliata, di osservatorio e caserma di confine a protezione della sottostante Val d'Assa. Col passare del tempo le costruzioni di questo tipo vennero trasformate in vere e proprie "macchine offensive" rendendo i materiali usati tecnologicamente superati. Infatti, i forti progettati e costruiti da questo periodo in poi avrebbero dovuto possedere elevate doti di resistenza in cui il predominante uso del pietrame venne sostituito dal più duttile e resistente cemento armato.

Secondo fonti austriache il forte era armato con due cannoni da 120 mm con affusto rigido e con quattro mitragliatrici, ciò è confermato dalla sola presenza di piccole feritoie per fucili e di poche altre per cannoni di piccolo calibro. Durante il primo anno di guerra il forte non partecipò direttamente alle azioni, ma allo scatenarsi della Strafexpedition (più propriamente chiamata Offensiva di Primavera), il 27 maggio 1916 cadde in mano austriaca e vi rimase fino al termine del conflitto. Vista la sua posizione favorevole fu adattato dall'esercito austro-ungarico ad osservatorio con l'apposizione di alcuni fari e dotato di qualche pezzo di piccolo calibro; divenuto sede del Comando di Brigata Austriaco fu oggetto di ripetuti bombardamenti da parte dell'artiglieria italiana.


 

Data visita: Quasi ogni anno
Creato il: 21/05/2007
Aggiornato il: 05/07/2012

Autore: Corrado De Zanche

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »
Ieri ho organizzato una piccola gita al forte.
Si raggiunge facilmente,e la sua maestosità e il panorama che domina ti danno soddisfazione per la scelta fatta.
Lo consiglio a tutti,anche se avete bimbi,e visto che non è una gita che occupa molto del vostro tempo,la potete abbinare ad una visita alla voragine del Tanzerlock
Moreno # 26/08/2013 18:55:35
Bello peccato che è chiuso per restauro e non ci si può avvicinare comunque merita molto e il posto è molto carico di energia
Francesco # 22/04/2011 20:59:56
sempre in vetta il vostro sito complimenti
Vittorio # 16/09/2010 07:16:24
è propio interrotto
forse era meglio che questo fortilizio fosse ripulito e lasciato alle sue vestigia originali piuttosto che ricostruirlo con pezzi di polistirolo per sostituire i suoi possenti blocchi di ammonitico! (e magari un po' piu celeri nei lavori ragazzi...)per il resto il vostro sito è gagliardo!ciao a tutti!:-(:-(
Marco # 29/07/2010 13:04:24
Aggiornamento 12/06/10
Il forte è ancora chiuso per lavori.
Corrado # 14/06/2010 12:27:49


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.

Copyright © 2021 | Montagnando.it





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -