Forte Dossaccio

Importante baluardo austro-ungarico della Grande Guerra (m 1838)

 

Abbiamo visitato il forte Dossaccio il 10 luglio 2011.

Per salire al forte abbiamo scelto di utilizzare l'ex strada militare che univa il forte Dossaccio al sottostante forte Buso. Purtroppo la possibilità di parcheggio è limitata a poche macchine, l'alternativa è salire verso gli impianti Alpe Lusia (località Castelir) dove il parcheggio è più ampio e dove c'è anche una tabella con l'indicazione del forte. Il tempo di percorrenza è comunque lo stesso, 1 ora e 20 minuti di salita non ripida, percorribile anche in mountain bike.

Forte Dossaccio

La strada corre sempre all'interno del bosco, fino in prossimità del forte.

Forte Dossaccio

Il forte si presenta maestoso ma è in ristrutturazione. Di fronte un enorme piazzale un tempo ricoperto da reticolato.

Forte DossaccioForte Dossaccio

Forte DossaccioForte Dossaccio

Il fossato a protezione del forte dagli attacchi della fanteria nemica era protetto da un cofano in calcestruzzo che accoglieva un gruppo di mitragliatrici.

Forte DossaccioForte DossaccioForte Dossaccio

Il piano terra del forte è costituito da enormi stanzoni e locali di servizio. E' riconoscibile il locale motori dove si trova un piano rialzato che sosteneva un gruppo elettrogeno.

Forte DossaccioForte DossaccioForte Dossaccio

Forte Dossaccio

Al piano superiore si accede al corridoio di spina su cui da una parte si affacciano gli alloggi e dall'altra i magazzini ed i depositi. I magazzini per le munizioni erano posizionati non lontano dai pozzi dei cannoni e dei condotti di aerazione permettevano il ricambio dell'aria all'interno.

Forte DossaccioForte Dossaccio

Forte DossaccioForte Dossaccio

Il forte era anche dotato di tre osservatori corazzati.

Forte Dossaccio

Nei forti di costruzione prima del 1900 i cannoni erano posizionati all'interno di stanze con feritoie, i forti di costruzione dei primi del 1900 hanno invece i cannoni in cupola girevole. Questo forte aveva entrambi i sistemi, perché costruito prima del 1900 e rimodernato prima dell'entrata in guerra.

Forte DossaccioForte Dossaccio

L'armamento era composta da 4 obici da 10 cm. M5 in cupola corazzata, 4 cannoni da 12 cm M80 in casematte di pietra con scudo corazzato. Per la difesa ravvicinata era dotato di dodici mitragliatrici calibro 8 mm M93 (due in postazione frontale corazzata, due in breccia corazzata, otto in cofano blindato).

Forte DossaccioForte Dossaccio

Il forte era equipaggiato per la comunicazione ottica con il sottostante forte Buso e il forte Moena.

Forte Dossaccio

La guarnigione era di 5 ufficiali e 167 soldati in tempo di pace e 3 ufficiali e 195 soldati in tempo di guerra.

Alla fine del corridoio superiore è possibile uscire in una specie di terrazza esterna e quindi sul tetto del forte.

Forte Dossaccio

Forte DossaccioForte DossaccioForte Dossaccio

Sono visibili delle piccole cupole riempite in cemento, sede degli obici da 10 cm. Sono decisamente molto piccole di circa 1,5 mt di diametro.

Forte DossaccioForte DossaccioForte Dossaccio

Forte Dossaccio

Panorami del passo Rolle e le pale di S.Martino.

Forte DossaccioForte DossaccioForte Dossaccio

Dal forte parte una poterna che passa sotto il fossato (adesso crollato) e conduce al fortino avanzato e alla torre dei riflettori, uno da 90 cm e due da 21 cm alimentati da un gruppo elettrogeno a benzina. E' costituita da una lunga scalinata, dove al termine della stessa, si trova un piccolo obitorio con 4 loculi. Sono ancora presenti tavole originali dell'epoca.

Forte Dossaccio

Forte DossaccioForte Dossaccio

Forte DossaccioForte Dossaccio

Pianta del forte.

Forte Dossaccio - Pianta


 



Come si raggiunge:

da Predazzo (TN) si seguono le indicazioni per Passo Rolle. Passata la località di Bellamonte si incontra sulla sinistra la strada per la Loc. Castelir. Dopo il primo tornante c'è un ampio parcheggio e l'inizio della strada per il forte. Oppure passata la località di Bellamonte si prosegue verso il passo Rolle fino alla località Forte Buso (all'inizio del lago di Paneveggio) dove inizia l'ex strada militare.

Se si arriva da San Martino di Castrozza, seguire per passo Rolle, Paneveggio e poi si trova prima la località Forte Buso e poi l'incrocio sulla destra per la Località Castelir.


 



Mappe Interattive:



Forte Dossaccio
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Trento
Comune:Predazzo
Coordinate punto di arrivo:46.30418 - 11.72374
(46°18'15" N - 11°43'25" E)
Coordinate parcheggio:46.30695 - 11.70128
(46°18'25" N - 11°42'5" E)
Altitudine di partenza (m):1470
Altitudine di arrivo (m):1838
Dislivello (m):370
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
2 ore 20 minuti
Come si raggiunge:A piedi, In mountain bike
Tipologia:Storico, Panoramico




Storia: (tratta dai tabelloni trovati in loco)

Complesso fortificato austriaco tardo ottocentesco, costruito - insieme alla strada di accesso da Forte Buso - fra il luglio 1890 e l'ottobre 1895 e ammodernato prima della guerra (nel 1912).

Il forte venne scavato entro la roccia del Dossaccio e costruito in coni di porfido, lavorati in modo egregio. Al forte sono annessi la vasca per la raccolta dell'acqua piovana (non vi sono sorgenti, trattandosi di una posizione cacuminale); camminamento per l'osservatorio, sotterranei, trincee.

Il forte costituiva il perno fra i sistemi difensivi del Travigliolo e del Passo San Pellegrino. Il Forte Dossaccio è stato concepito per agire in lontananza da posizione sicura, con possibilità di sparare in tutte le direzioni (verso Passo Valles, verso Rolle - Colbricon, verso Bocche - Juribrutto ed eventualmente anche verso Predazzo, in caso di sfondamento sul Lagorai).

Il corpo principale è a pianta pentagonale cui a nord-est è collegato un corpo a linea spezzata. Il fossato frontale era protetto da un cofano di calcestruzzo con un gruppo di mitragliatrici.

L'armamento era costituito da 4 cannoni da 120 mm in casamatta con feritoie ad apertura minima, da 4 obici da 100 mm in cupole d'acciaio girevoli e da 12 mitragliatrici da 8 mm. Il forte era inoltre dotato di una torre per riflettori e d'osservazione.

Nel corso della guerra i cannoni vennero spostati all'esterno del forte, nel bosco, in parte in gallerie blindate collegate con tunnel e trincee. Le cupole degli obici vennero rifatte in calcestruzzo nelle quali vennero impiantati dei tronchi per simulare la presenza dei cannoni spostati.

Nel 1915 e 1916 i cannoni del forte contribuirono efficacemente alla difesa della linea del Passo Rolle e del Colbricon. Il forte fu ripetutamente bombardato, ma i grandi blocchi di porfido resistettero efficacemente anche alle granate da 220 mm dell'artiglieria italiana.


 

Data visita: 10/07/2011
Creato il: 09/02/2012

Autore: Corrado DZ.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »
altri interessanti itinerari in zona limitrofa
http://www.fortidelgarda.it/itinerari.html
Carlo # 12/03/2012 14:11:59


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -