Forte Coldarco - Stella

Postazione di artiglieria italiana della Grande Guerra (m 700)

 

Abbiamo visitato il Forte Coldarco o Fortino Stella il 12 maggio 2007.

La fortificazione è stata da poco risistemata e la visita è veramente piacevole vista anche la presenza di una bella vegetazione.

Fortino StellaForte Coldarco

Dapprima si incontra la caserma collegata alla batteria di cannoni da un trinceramento.

Forte Coldarco - Trincea di collegamentoForte Coldarco - Trincea di collegamentoForte Coldarco - Ingresso

La galleria ha una lunghezza di 60-70 metri, sulla destra alcuni corridoi portano all'osservatorio e alle postazioni, a sinistra delle piccole riserve per munizioni.

Forte Coldarco - GalleriaForte ColdarcoForte Coldarco - Riservetta Munizioni

E' interessante notare la copertura in cemento della caverna, che da sicuramente un aspetto più robusto e rassicurante.

Forte Coldarco - PostazioniForte Coldarco - PostazioniForte Coldarco - Postazioni

La fortificazione serviva come supporto per lo sbarramento della Valsugana.

Aggiornamento del 2009:

In occasione di una breve escursione abbiamo rivisitato il Fortino Coldarco o Forte Stella il 23 agosto 2009.

La fortificazione è stata ulteriormente sistemata e completata con l'aggiunta di pannelli informativi che meglio identificano il luogo e la sua funzione.

Forte Coldarco - Ingresso

All'interno della galleria nulla sembra cambiato almeno fino al terzo corridoio

Forte Coldarco - terza galleriaForte Coldarco - La camera di combattimento

Una recente cancellata mette in sicurezza un cannone da 75A (75 mm di diametro in Acciaio) che bene rende l'idea di quanto fosse facile contrastare una probabile avanzata nemica lungo la Valsugana.

Forte Coldarco - Il cannone!

Il cannone non è nuovo naturalmente ma è stato ottimamente restaurato.

Forte Coldarco - diverse prospettive...Forte Coldarco - diverse prospettive...Forte Coldarco - diverse prospettive...

Ogni particolare é stato curato

Forte Coldarco - particolari...Forte Coldarco - particolari...Forte Coldarco - particolari...

ed è possibile leggere il modello, l'anno e lo stabilimento di produzione.

Vista sulle posizioni da battere e di una delle feritoie

Forte Coldarco - vista sulla ValsuganaForte Coldarco - una feritoia

Un'altra simpatica novità è data dall'illuminazione della galleria, dei sensori rilevano l'arrivo dei visitatori e comandano l'accensione di alcune lampade a led poste alle intersezioni con le gallerie laterali, facilitandone la visita. Lodevole inoltre la completa autonomia dell'impianto alimentato tramite un pannello solare.

Forte Coldarco - una delle lampade a ledForte Coldarco

Una piccola porzione del muro della trincea ha ceduto, ma è già stato restaurato

Forte Coldarco - la trincea di collegamentoForte Coldarco - restauro

I nuovi tabelloni all'ingresso della galleria

Forte Coldarco - Pannello informativoForte Coldarco - Pannello informativo e relativo panorama

Finalmente delle semplici ma evidenti indicazioni facilitano l'individuazione del sito. Sia ai tornanti lungo la strada, sia al parcheggio dove si lascia l'auto per proseguire a piedi.

Forte Coldarco - Nuova segnaleticaForte Coldarco - Nuova segnaletica


 



Come si raggiunge:

Nella strada provinciale 76 che da Primolano porta ad Enego (VI) imboccare la strada per Coldarco di Mezzo al tornante 16. Dopo 500 mt all'incrocio tenere la destra. Proseguire per altri 200 mt fino al parcheggio. Da qui si procede solo a piedi, per una decina di minuti, dal sentiero che inizia proprio dal parcheggio.


 



Mappe Interattive:



Forte Coldarco - Stella
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Vicenza
Comune:Enego
Coordinate punto di arrivo:45.95753 - 11.69886
(45°57'27" N - 11°41'56" E)
Altitudine di arrivo (m):700
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi (esclusa visita):30 minuti
Come si raggiunge:A piedi
Tipologia:Paesaggistico, Storico




Storia: (tratta dai tabelloni)

Fortino Coldarco

Costruita tra il 1912 e il 1914, la batteria in caverna di Coldarco (anche conosciuta come "Fortino Stella") doveva integrare l'azione dei forti Lisser e di Cima Campo battendo la sottostante Valsugana. Come evidenziato nella planimetria l'opera è costituita da una galleria principale da cui si diramano cinque gallerie che si affacciano sul fondovalle: la prima fungeva da osservatorio mentre le altre si allargano in piccole casematte protette da piastre di corazzatura in acciaio nichel che ospitavano un pezzo scudato da 75A su affusto a candeliere.

Sul lato sinistro della galleria principale, ed all'estremità di quest'ultima, erano state ricavate le riservette per munizioni.

L'intera struttura era pavimentata e rivestita interamente in calcestruzzo con un sistema di canalette che raccoglievano l'acqua convogliandola nella cisterna costruita a destra dell'ingresso della galleria principale. Una trincea collegava la batteria in caverna al fabbricato di servizio, provvisto di magazzino di derrate e materiali vari, che poteva ospitare fino a 100 uomini. Dopo essere stata disarmata, nel primo dopoguerra la galleriavenne utilizzata dai genieri italiani e dai recuperanti per far brillare i proiettili inesplosi raccolti sull'Altopiano distruggendo irreparabilmente il rivestimento interno in calcestruzzo.

 

Armamento:

Il cannone da 75A con cui venne armata la batteria in caverna di Coldarco era un pezzo a tiro rapido che sparava un proiettile (granata o shrapnel) di circa 6 kg a distanza comprese tra i 3,7 e gli 8 km con una velocità iniziale di 500 m/s. Si trattava quindi di un'arma ideale per l'interdizione del fondovalle e per il tiro contro i reparti di fanteria.

Il pezzo era sistemato su di un affusto a candeliere che consentiva una grande facilità di brandeggio e puntamento.

Il piedistallo era ancorato direttamente al pavimento. Un affustino a cassa, girevole attorno all'asse verticale, poggiava sul piedistallo mediante una corona di rulli o sfere e sorreggeva la culla della bocca da fuoco. L'affusto che rimaneva immobile durante il tiro, poteva reggere anche uno scudo in acciaio indurito a protezione dei serventi in aggiunta alle piastre di corazzatura in acciaio nichel che chiudevano l'imbocco delle cannoniere.


 



Altre Foto:

Forte ColdarcoForte Coldarco - IngressoForte Coldarco - IngressoForte Coldarco - CisternaForte Coldarco - Ingresso batteriaForte Coldarco - Ingresso batteriaForte Coldarco - PostazioneForte Coldarco - Vista valle dall'osservatorioForte Coldarco - Vista valle da una postazione

Forte Coldarco - fiori...Forte Coldarco - fiori...Forte Coldarco - fiori...


 

Data visita: 2007 / 2009
Creato il: 21/06/2007
Aggiornato il: 15/12/2009

Autore: Flavio C.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »
precisazione
L'accesso è dal tornante 10; in seguito si tiene la sinistra al bivio (sterrata) e si prosegue fino ad una piazzola dove si può parcheggiare. Attualmente, comunque, ci sono tutte le indicazioni per raggiungere la struttura.
Mark # 13/08/2015 11:31:47
affascinante
In realtà non si tratta di un vero e proprio forte, ma di una postazione fortificata. Le foto che appaiono sono esaurienti perchè il tutto è composto da una galleria e 5 postazioni di cui una, la prima, usata come vedetta. Consiglio la visita a tutti, sia per la bellezza del posto sia per la cura con cui è tenuto.
Cristiano # 29/03/2011 15:19:38
bellissima
se ci fosse stato più foto del forte sarebbe stato fantastico non credevo che fosse restaurato si vede che tommy manca da tempo ma devo venire troppo bello un bacione
Tommaso # 12/01/2011 10:15:24


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -