Forte Leone

Fortificazione italiana della Grande Guerra (m 1512)

 

Abbiamo visitato il forte Leone o di Cima Campo nel settembre 2004. A quel tempo, oltre a non avere la macchina digitale, una nuvola copriva interamente la zona. La visibilità era di pochi metri. (Le foto sono state scattate il 10 settembre 2006 in una successiva visita di Corrado e Famiglia.)

Conoscendo la dimensione delle gallerie, anche questa volta siamo andati muniti con il caschetto da speleologia. Il forte è in fase di restauro e non si potrebbe entrare.

La spianata anteriore al forte mette subito in risalto la maestosità della costruzione. Sono chiaramente visibili tutte le feritoie per le postazioni dei fucilieri.

Forte Leone - Vista anterioreForte Leone - Postazione fuciliere per la difesa del fronte del forte

La difesa della fanteria prosegue con una trincea in perfetto stato. Il muro di fronte alla trincea serviva da tiro al bersaglio. Se qualcuno fosse sceso da li ..... vi lascio immaginare cosa sarebbe successo. Abbiamo provato a metterci nei panni del fuciliere. La trincea è perfetta e comoda per la posizione con un fucile in mano. Un po' sotto la trincea un camminamento ben protetto poteva servire per arrivare alle postazioni stando defilati dai colpi nemici e per portare le munizioni a chi era in combattimento.

Forte Leone - Trincea e muro di difesaForte Leone - Dettaglio trincea

La Santa Barbara presenta ancora le tracce della pavimentazione e della copertura all'interno della grotta. L'umidità è altissima, ma in qualche modo riuscivano a tenere le munizioni all'asciutto. E' posizionata all'interno della montagna, in un posto "a prova di bomba".

Forte Leone - Ingresso alla S.Barbara

Dalla S.Barbara alle torrette dei cannoni la strada era lunga e le bombe pesanti. Venivano usati dei carrelli su rotaie per trasportarne il più possibile.

Forte Leone - Tracce delle rotaie per il trasporto delle bombe

Non ci sono difficoltà nel visitare il forte, se si vogliono visitare le grotte è necessaria una buona torcia elettrica. Attenzione a non battere la testa.

La storia del forte, che abbiamo riportato qui sotto, sinceramente ci ha fatto venire la pelle d'oca e ci ha emozionato moltissimo. Immaginare tutti gli uomini intenti a rallentare l'avanzata degli austroungarici per difendere la ritirata degli italiani, l'accerchiamento, la tentata fuga dalla postazione della mitragliatrice, ed infine l'onore alle armi concesso al comandante Olmi. Deve essere stata una grande battaglia fatta da grandi e valorosi uomini, di entrambi le fazioni.

Forte Leone - La


 



Come si raggiunge:

Da Arsiè (BL) si seguono le indicazioni per Col Perer, poi si troveranno le indicazioni specifiche per il forte.


 



Mappe Interattive:



Forte Leone
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Belluno
Comune:Arsiè
Coordinate punto di arrivo:45.99963 - 11.68864
(45°59'59" N - 11°41'19" E)
Altitudine di arrivo (m):1512
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
0
Come si raggiunge:A piedi, In auto, In mountain bike
Tipologia:Paesaggistico, Storico, Panoramico




Altre Foto:

Forte LeoneForte Leone - Legenda della piantina

Forte Leone - Postazione cannoneForte Leone - Corridoio per l'accesso alle cupole dei cannoniForte Leone - Galleria di unione tra la parte bassa e il corridio cannoni

Forte Leone - Facciata del forte

Forte Leone - Galleria di collegamento alle trinceeForte Leone - Per le necessità di tutti i giorni

Forte Leone - Accesso alla trincea

Forte Leone - L'alba dal forteForte Leone - Uscita sopra il forteForte Leone - Un altro particolare della trincea


 



Storia: (tratta dai tabelloni trovati in loco)

Il Forte Leone di Cima Campo venne costruito tra il 1906 e il 1912 sotto la direzione dell'ingegnere Maggiore Antonio Dal Fabbro di Sedico (BL) come parte della linea di difesa Brenta-Cismon. Il Forte era armato da 6 pezzi "Armstrong" 149/35 sotto cupole, 8 pezzi 75/27, 5 mitragliatrici in casamatta e 6 in torrette a comparsa.

Forte Leone - Postazione delle cupole

Le vicende storiche che riguardano il Forte Leone iniziarono solo dopo la rotta di Caporetto, quando il Generale Cadorna affidò al battaglione alpino Monte Pavione, comandato dal Maggiore Roberto Olmi, il compito di proteggere la ritirata delle truppe italiane provenienti dal fronte montano fino al passaggio del complesso fortificato di Primolano: una difesa ad oltranza del forte non fu mai presa in considerazione.

Nel forte, oltre al comandante, vi erano 12 ufficiali, tra i quali uno del Genio, un medico, un cappellano militare, oltre a 230 uomini di truppe: 200 del battaglione Monte Pavione appartenente al 7° Reggimento Alpini e 30 del Battaglione Val Natisone. Il gruppo Austriaco comandato all'assalto era composto da: I e II Compagnia, plotone d'assalto, mitraglieri del K.K. Tiroler LandSturm-Bataillon I, mitraglieri del Schutzenregiment e compagnia degli Standschutzen di Merano.

Il giorno 12 novembre 1917, tra le ore 7:00 e le 8:00 cominciò l'attacco avvolgente al forte.

L'avvicinamento risultò difficoltoso: a sud-ovest il pendio era molto erto e roccioso, ad ovest, all'interno del fitto bosco, le truppe italiane sparavano all'impazzata.

Dopo i primi momenti di stallo e difficoltà, segnati anche dalla stanchezza delle truppe austriache da giorni impegnate in estenuanti marce, l'assalto riprese. L'attacco finale fu guidato dal Capitano Berkic nonostante poco prima avesse ricevuto l'ordine di arrestarsi sulle posizioni conquistate fino ad allora.

Ormai il forte era completamente accerchiato ed Olmi alle 16:00 ordinò alle sue truppe di abbandonare le trincee esterne e di rifugiarsi all'interno della fortezza., il Forte poteva essere abbandonato e fatto saltareAlle 17:00 arrivò la telefonata che le truppe italiane da tutta la giornata aspettavano: le truppe in ritirata erano al sicuro, il Forte poteva essere abbandonato e fatto saltare Mestamente Olmi rispose che ormai era troppo tardi, ma comunque era felice che il loro sacrificio fosse stato utile. Come ultima, strenua difesa il comandante inventò uno stratagemma: alcuni soldati avrebbero lanciato dalle torrette le ultime granate rimaste, mentre gli alpini abili avrebbero girato il cappello in modo da portare la penna nera sul davanti, forse potevano in questo modo scappare simulando il pennacchio dei Kaiserschutzen Gli austriaci si accorsero dell'inganno e spararono sulla colonna dei fuggitivi, solo una ventina riuscì a scappare, mentre tutta la guarnigione fu fatta prigioniera.

Il forte agli occhi degli austriaci si rivelò integro, tuttavia le torrette blindate erano disarmate ed i cannoni puntati sulla valle altro non erano che tronchi d'abete verniciati di nero. impedì tutto ciò.

Al comandante Olmi vennero concessi gli onori delle armi in merito alla strenua difesa del Forte: esso poté portare la sua pistola d'ordinanza fino al campo di prigionia.


 

Data visita: Settembre 2004
Creato il: 03/10/2006

Autore: Corrado DZ.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »
Aggiornamento "turistico":
Il forte è attualmente visitabile solo a pagamento con visita guidata (5 € a testa) nei giorni indicati nel sito: http://www.forteleone.it/
Francesco # 18/08/2014 10:36:12
Ho "scoperto" il forte di cima campo negli anni 70 durante le vacanze in tesino ed era il luogo preferito delle nostre escursioni ...lo abbiano visitato quasi tutto (all'epoca si poteva, non era pericoloso) e grazie a mio padre e ad un amico reduce dalla campagna di Russia) il gruppo alpini di Arsie' ha istituito la cerimonia dell'alzabandiera ad agosto. ...era per noi ragazzini un luogo magico ed ogni volta che torno lassù è un'emozione.....
Angela semeghini # 09/08/2014 17:05:19


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -