Monte Chiesa

Cima fortificata austro-ungarica della Grande Guerra (m 2061)

 

Il Monte Chiesa fù meta di una precedente escursione prima della sistemazione a cura dell'Ecomuseo della Grande Guerra.

Un enorme lavoro di rivalorizzazione del luogo che merita una visita.

Monte Chiesa - Partenza Selletta Caviglia

Per faticare meno abbiamo deciso di arrivare con l'auto fino a Selletta Caviglia. Sono 25 minuti (55 minuti risparmiati andata e ritorno) se si decide di lasciare l'auto a Piazza delle Saline.

Monte Chiesa - ex cimitero e baitoMonte Chiesa - Marmotta di guardia al percorso

Il percorso riprende un sentiero militare, anche questo ritracciato nelle cartine topografiche porbabilmente perchè, oltre ad essere meno ripido rispetto al vecchio percorso, permette anche di incontrare altre opere militari, trincee, ma è anche un bellissimo percorso naturalistico.

Monte Chiesa - sentieroMonte Chiesa - sentieroMonte Chiesa - sentieroMonte Chiesa - sentiero

Il sentiero è ben segnalato, si segue sempre l'839.

Monte Chiesa - bivio per Malga Pozze

Arrivati in prossimità di malga Pozze si devia a destra seguendo per il Monte Ortigara.

Monte Chiesa - baraccamenti della conca di Malga PozzeMonte Chiesa - baraccamenti della conca di Malga Pozze

Nella zona di malga Pozze esisteva un complesso tattico-logistico degli austro-ungarici.

Monte Chiesa - sentiero

Il sentiero prosegue sempre in salita.

Monte Chiesa - sentieroMonte Chiesa - sentieroMonte Chiesa - sentieroMonte Chiesa - sentiero

Una chiara indicazione fa deviare dal sentiero 839 salendo a destra verso il Monte Chiesa.

Monte Chiesa - bivio per Monte Chiesa

Monte Chiesa - sentiero

Comincia la visita in questo museo all'aperto.

Monte Chiesa - primi baraccamentiMonte Chiesa - teleferica

Le teleferiche sono state un'importantissima risorsa per velocizzare gli approvigionamenti. E da qui transitava la T26 proveniente dalla Busa del Cavallo e diretta verso il Monte Campigoletti.

Monte Chiesa - inizio del complesso logisticoMonte Chiesa - complesso logistico

Monte Chiesa - Kronprinz Otto StrasseMonte ChiesaMonte Chiesa - complesso logistico

Monte Chiesa - complesso logisticoMonte Chiesa - complesso logistico

Pistauer Kavern

Monte Chiesa - Pistauer KavernMonte Chiesa - galleria ricovero

Deviazione per la Dolina degli Sloveni, intanto proseguiamo verso la cima del Monte Chiesa.

Monte Chiesa - si fa quel che si può per indicare la strada

Monte Chiesa - foto storica

Una cucina.

Monte Chiesa - cucina

Monte Chiesa - foto storica

Cippo del 17° reggimento Sloveno di Lubiana.

Monte Chiesa - cippo

Arrivati a destinazione, il Thurmau Tunnel, costruzioni e postazioni annesse.

Monte Chiesa - Thurmau Tunnel

Monte Chiesa - Thurmau TunnelMonte Chiesa - Thurmau TunnelMonte Chiesa - Thurmau Tunnel

Monte Chiesa - Thurmau TunnelMonte Chiesa - Thurmau TunnelMonte Chiesa - Thurmau Tunnel

Ottimo il lavoro di pulizia e recupero della galleria!

Monte Chiesa - Thurmau TunnelMonte Chiesa - Thurmau Tunnel

Postazione per mitragliatrice e osservatorio.

Monte Chiesa - Thurmau Tunnel - postazione mitragliatriceMonte Chiesa - Thurmau Tunnel

Monte Chiesa - Thurmau Tunnel - osservatorioMonte Chiesa - Vista verso l'Ortigara

Scaletta, piattaforma in legno ... attenti a non battere la testa!

Monte Chiesa - Thurmau TunnelMonte Chiesa - Thurmau TunnelMonte Chiesa - Thurmau Tunnel

Sulla cima del monte!

Monte Chiesa - osservatorio

Panorami verso l'Ortigara, Caldiera, Campigoletti.

Monte Chiesa - Mappa

Monte Chiesa - trinceramenti verso l'OrtigaraMonte Chiesa - panorama verso Cima CaldieraMonte Chiesa - panorama verso Campigoletti e Ortigara

C'è da perdersi tra tutte queste costruzioni!

Monte Chiesa - complesso logistico

Monte Chiesa - Thurmau TunnelMonte Chiesa - Thurmau Tunnel

Monte ChiesaMonte Chiesa

Cima XII

Monte Chiesa - Cima XII

Particolare è stata la visita alla dolina degli Sloveni, in quanto colpiti da alcune foto ritrovate in un museo in Slovenia (vedi sotto nella parte "Storia").

Una grande opera di adattamento seguendo la morfologia del terreno.

Monte Chiesa - Dolina degli SloveniMonte Chiesa - Dolina degli SloveniMonte Chiesa - Dolina degli Sloveni

Monte Chiesa - Dolina degli SloveniMonte Chiesa - Dolina degli Sloveni - cucina

Monte Chiesa - Dolina degli Sloveni

Monte Chiesa - sentinella alla Dolina degli Sloveni

Poco sopra la dolina degli Sloveni, un'altra bellissima scoperta. Lo sfruttamento di una risorsa naturale per la conservazione delle derrate alimentari: la Busa del Giasso.

Monte Chiesa - Busa del Giasso

Altri particolari.

Monte Chiesa - foto storica

Monte Chiesa - foto storica del comandoMonte Chiesa - ex comando

Il sentiero di ritorno.

Monte Chiesa - sentiero di ritorno

Foto di gruppo, non attuale, per non dimenticare la storia che deve guidarci per non ripetere gli stessi errori ed orrori!

Monte Chiesa - foto storica


 



Come si raggiunge:

Da Gallio (VI), seguire le indicazioni per Melette e poi per M.Ortigara. Dopo il Rifugio Campomulo la strada sale a tornanti dopo i quali comincerà ad essere alternativamente da strada asfaltata a strada bianca. La strada viene sistemata ogni anno in occasione del raduno degli Alpini sul Monte Ortigara.

Seguite sempre le indicazioni per il M.Ortigara, si passa vicino a Malga Fiara, Malga Mandrielle. Sulla destra trovate l'indicazione per Malga Fossetta. Proseguite ancora dritti. La strada passa una selletta e gira repentinamente a destra sfiorando una voragine (Buso del Diavolo). Poco dopo la strada svolta a sinistra e di nuovo a destra. Sulla sinistra una strada in salita molto ghiaiosa porta verso Piazza delle Saline.

Da Piazza Saline si procede a sinistra verso Bivio Italia. Attenzione la strada è stretta.

Arrivati a Selletta Caviglia inizia il percorso a piedi.

 

Il sentiero che si percorre è una variante dell'839.

Si scende dalla selletta in direzione nord ovest passando vicino ad un baito distrutto ed un ex cimitero militare. In prossimità di Malga Pozze (che non si raggiunge) si trova il sentiero originale che scende verso sud ovest, bisogna proseguire salendo verso nord ovest.

Lungo il sentiero si trovano ulteriori indicazioni per il Monte Chiesa.


 



Mappe Interattive:



Monte Chiesa
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Vicenza
Comune:Asiago
Coordinate punto di arrivo:45.99401 - 11.49979
(45°59'38" N - 11°29'59" E)
Coordinate parcheggio:45.97949 - 11.51801
(45°58'46" N - 11°31'5" E)
Altitudine di partenza (m):1765
Altitudine di arrivo (m):2061
Dislivello (m):360
Difficoltà del percorso:E - Escursionistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
3 ore
Come si raggiunge:A piedi
Tipologia:Paesaggistico, Storico, Panoramico




Storia: (Tratta dai tabelloni dell'Ecomuseo della Grande Guerra)

OTTOSTRASSE

Dopo l'arresto dell'offensiva del maggio-giugno 1916 (la cosiddetta Strafexpedition) ed il ripiegamento delle truppe austro-ungariche sulle alture che dall'Ortigara degradano verso lo Zebio e la Val d'Assa, i reparti del 17° reggimento Sloveno di Lubiana avviarono la sistemazione difensiva del Monte Chiesa con l'organizzazione delle linee e delle immediate retrovie; di quella presenza restano importanti vestigia come i numerosi baraccamenti e i ricoveri in caverna, la trincea di resistenza scavata nella roccia viva e, ancora, l'imponente sistema di gallerie e postazioni in caverna del Thurmau Tunnel, intitolato al comandante del reggimento coll.Hugo Ventour von Thurmau.

E proprio a causa delle opere difensive realizzate e della impervia morfologia del versante est (rivolto verso le posizioni italiane), il Monte Chiesa non venne mai attaccato direttamente dalle truppe italiane.

Oltre alla Otto strasse che collegava il Monte Chiesa alla Kaiser Karl strasse ed ai principali centri logistici della Busa del Cavallo e di Campo Gallina, venne realizzata una estesa quanto ramificata rete di mulattiere che assicurava una ottimale accessibilità dei diversi settori del fronte.

Qui transitava la teleferica T26 proveniente dalla Busa del Cavallo e diretta poi verso il Monte Campigoletti.

Monte Chiesa - foto storica

 

THURMAU TUNNEL

Sicuramente una delle opere difensive più imponenti realizzate dagli austroungarici sull'Altopiano, il "Thurmau Tunnel" (intitolato al comandante del 17° reggimento, coll.Hugo Ventour von Thurmau) collega il complesso dei baraccamenti realizzati a ridosso del versante ovest della cima del Monte Chiesa con le posizioni difensive e le trincee di prima linea ricavate lungo il ripido pendio orientale. Subito dopo l'ingresso il tunnel si biforca in due diramazioni: La prima, a sinistra, che conduce ad una cannoniera, con annessa camera di osservazione, con puntamento sul Coston dei Ponari ed il Campanaro. Il ramo di destra da accesso invece a due postazioni per mitragliatrice oltre ad un osservatorio blindato. Una scala in legno consente di risalire alle postazioni ed ai camminamenti superiori che si collegano alla prima linea.

Monte Chiesa - foto storica

 

LA DOLINA DEGLI SLOVENI

Se il complesso dei Tunnel di Monte Chiesa rappresenta un modello di organizzazione tattica difensiva, l'avvallamento di tipo carsico quasi perfettamente circolare noto oggi come Dolina degli Sloveni costituisce un esempio di organizzazione logistica dell'immediata retrovia. Posta a poche decine di metri dalla prima linea (Schutzengraben) essa conteneva, sul lato rivolto al nemico e quindi defilato al suo tiro, i baraccamenti per il comandi di battaglione e per le necessità di ricovero e rifornimento di una compagnia.

Il fondo della dolina stessa, grazie al drenaggio naturale della neve di fusione e dell'acqua piovana, consentiva poi un'efficace scarico dei rifiuti organici inevitabilmente prodotti da un numero così ingente di persone. Il nome con cui la cavità è nota ancor oggi deriva dal fatto che il 17° Reggimento Kronprinz dell'esercito austro-ungarico era bensì un'unità a reclutamento comune, ma era composto prevalentemente di soldati di nazionalità slovena, come testimonia la lapide dedicata al Triglav ancor oggi presente nella dolina. Questa efficace sistemazione logistica è ricordata con giusto orgoglio tanto nella storia dell'unità, realizzata dal Ten:col.Kiesewetter quanto nei diaristi della stessa, primo fra tutti Bodo Kaltenboeck.

Monte Chiesa - foto storicaMonte Chiesa - foto storicaMonte Chiesa - foto storica

 

LAPIDE DEGLI SLOVENI

Lapide commemorativa della 2° Compagnia da campo dell'Imperiale e Regio 17° Reggimento di Fanteria "Kronprinz". Il testo in lingua slovena, nell'esaltare l'eroismo del Reggimento intitolato al Principe ereditario Ottone d'Asburgo, evoca con nostalgia il Monte Triglav, montagna "simbolo" degli Sloveni.

In mezzo alle rocce, in cima ai monti. Il Reggimento "Kronprinz" si incorona di gloria. Triglva, nostra casa, tu fonte di lacrime. Per te combatte tenacemente con devozione.

Monte Chiesa - foto storica

 

LA SISTEMAZIONE TATTICO-LOGISTICA DELLA CONCA DI MALGA POZZE

La cortina difensiva che univa il caposaldo di Monte Forno a quello di Monte Chiesa costituiva uno dei tratti maggiormente "sensibili" della linea difensiva austro-ungarica sull'Altopiano (Winterstellung) tra l'estate del 1916 e l'autunno del 1917. Ad essa andava pertanto riservata la massima attenzione da parte della 6a Divisione e del superiore III C.d.A. austriaco. Occorreva infatti provvedere non solo ad un'adeguata sistemazione tattica della linea, in grado di garantire al presidio il massimo di protezione ed il più efficace sfruttamento del terreno in chiave difensiva, ma anche ad un'impeccabile organizzazione logistica. Le condizioni dell'esercito austro-ungarico al quarto anno di guerra imponevano di fare tutto quanto umanamente possibile per offrire ai combattenti condizioni di vita accettabili, sia sotto il profilo fisico, sia sotto quello morale. I resti delle moltissime costruzioni, dei baraccamenti e delle cucine di cui è cosparso il margine sud-orientale della grande conca di Malga Pozze, mostrano ancor oggi il livello e l'accuratezza di tale sforzo. Al confine d'impiego di due più noti reparti dell'esercito comune, il 27° Rgt. (il Konig der Belgier) ed il 17° Rgt. (il Kronprinz, dedicato quindi al principe ereditario), a prevalente reclutamento sloveno, questa serie di baracche costituisce un complesso esemplare di organizzazione logistica di una posizione di quota. Anche nelle peggiori condizioni climatiche, quelle che si verificheranno ad esempio nell'inverno 1916-17, le truppe qui dislocate potranno, grazie ad essa, non solo sopravvivere in condizioni accettabili, ma anche mantenere un atteggiamento aggressivo nei confronti degli italiani che si concretizzerà in audaci assalti mediante tunnel scavati nella neve.


 

Data visita: 24/06/2006 - 12/08/2014
Creato il: 25/03/2016

Autore: Corrado DZ.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -