Castello di Salorno - Montagnando.it

Castello di Salorno

Il castello fantasma (m 388)

 

Il Castello di Salorno sopra al suo sperone

Siamo nella valle dell'Adige, quasi a metà strada tra Trento e Bolzano, lungo quella via diretta che, da secoli se non da sempre, ha messo in comunicazione l'oltralpe con la generosa e calda penisola italiana. Viandanti, pellegrini, commercianti, signori, regnanti ed eserciti seguivano tutti questa via, che attraversava le alpi, anche se con finalità diverse. Era quindi necessario per i signori locali sia controllare il passaggio di uomini e merci sia difendersi da eventuali scorribande nemiche, tali controlli venivano quindi svolti da questi presidi talvolta isolati che quasi sempre sfruttavano le caratteristiche dell'ambiente.

Ecco che a Salorno (BZ) a ridosso del monte Gaier (Geiersberg), sorge il castello di Salorno o Haderburg. Costruito sulla sommità di due guglie rocciose, collegate fra loro da un ponte levatoio, ha controllato e difeso il territorio dall'alto della sua posizione.

Castello di SalornoCastello di SalornoCastello di Salorno

Visto dal fondo valle, il castello si confonde quasi nelle rocce che lo circondano, ma arrivati lassù il castello si mostra in tutta la sua bellezza e imponenza.

In questa immagine di StreetView di Google, riuscite a individuare il castello ?

Provate ad individuare il castello...



Si può raggiungere il castello attraverso il comodo "Sentiero delle Visioni" che sale dal paese di Salorno. La strada verso il castello non é impegnativa, la si percorre senza fatica accompagnati da una bella vista sul sottostante paese mentre dall'alto il castello ci vede avvicinarsi sempre più.

Il sentiero per il Castello di SalornoIl sentiero per il Castello di SalornoSembra un pinnacolo di roccia invece é il Castello di Salorno

Il sentiero per il Castello di SalornoSalorno vista dal sentieroIl Castello di Salorno tra le fronde degli alberi



Entrata principale del castello

Il muro di difesa con le feritoieIngresso principaleIngresso principale del Castello di Salorno



Una volta superato il primo ingresso, si incontra subito una scala che conduce, a destra, nella parte bassa del castello mentre a sinistra porta alla parte superiore.

La scala per la discesa nella parte bassaLa parte bassaIl percorso per la parte superiore



Proseguendo verso la parte superiore, prima di incontrare la seconda porta d'accesso, percorriamo una passerella che sostituisce quello che una volta era un ponte levatoio a protezione dell'ingresso

Si noti la passerella che sostituisce il ponte levatoioLa scala del secondo accessoScala del secondo accesso



Varcato l'ingresso si incontra un primo cortile

Una nicchia nel cortile superioreAltra nicchia nel cortile superioreIl cortile,con la torre,visti dalla scala che sale

Mura del cortileTipica merlatura ghibellinaMura del cortile



Altre scale ci permettono di continuare a salire

Le scale che conducono alla parte superioreLe scale che conducono alla parte superioreLe scale che conducono alla parte superiore

Scale originali che conducono alla parte superiore



Ed eccoci alla parte più alta del castello, dalla quale si può godere di una vista spettacolare su Salorno e su tutto ciò che lo circonda

Dopo l'entrata troverete questo corridoioEntrata parte superiore vista dal'internoIl paese di Salorno



A destra troviamo l'ingresso della torre superiore, l'interno é spoglio, ma la copertura é stata ripristinata

Il MastioL'entrata del MastioUna seconda entrata del mastio

Due finestre del mastioIl soffitto



Oltre la torre incontriamo un altro locale con il soffitto ricostruito, sul quale é possibile salire per ammirare il panorama

Castello di SalornoCastello di SalornoCastello di Salorno



Nella zona centrale sono presenti alcuni dei locali di servizio del castello, un forno, una scala che saliva ai piani superiori e una cisterna

Castello di SalornoCastello di SalornoCastello di Salorno

Castello di SalornoCastello di SalornoCastello di Salorno

Castello di SalornoCastello di Salorno



Il cortile centrale con l'area ristoro

Castello di SalornoCastello di SalornoCastello di Salorno



Tornando indietro per visitare la seconda parte é possibile fermarsi per riposarsi e rifocillarsi nel cortile centale adibito a ristoro che incontriamo prima di proseguire con la seconda parte della visita. Rimanendo comodamente seduti abbiamo l'occasione di ammirare i ruderi, della parte superiore del castello

Castello di SalornoCastello di SalornoCastello di Salorno



Proseguendo con la visita incontriamo alcuni locali ricostruiti

Alcuni locali ricostruitiAlcuni locali ricostruitiAlcuni locali ricostruiti



Il sentiero che conduce all'ultima parte del nostro percorso, inizia dietro ai servizi, é ripido ed é quindi necessario prestare attenzione alla discesa

Verso la parte bassaLa scalinata verso la parte inferioreLa scalinata verso la parte inferiore



Scendendo la scalinata si raggiunge la seconda zona del castello anch'essa protetta da un'ulteriore varco d'accesso, che si é fortunosamente mantenuto fino ai giorni nostri

La parte bassa del Castello di SalornoIl portale che introduce alla parte bassa



Il sentiero

Castello di SalornoCastello di Salorno



Le mura, qui possiamo notare alcuni tratti delle mura e i suoi particolari costruttivi

Resti delle muraLe muraResti delle mura

Resti delle muraResti delle muraResti delle mura

Resti delle mura



La vista da quassù é spettacolare.

Castello di SalornoCastello di SalornoLa parte superiore del Castello di Salorno



Lungo il percorso e in qualche angolo sono esposte delle statue in legno, opera di un artista locale.

Le statue in legnoStatue in legnoStatue in legno

Le statue in legnoStatue in legnoStatue in legno

Statue in legno



Ancora qualche scorcio del castello

Un piccolo orto giardino all'interno del castelloAffaccio sulla pianuraL'interno di una torre

Antica feritoia al Castello di SalornoCastello di Salorno




Su questo castello vi è incentrata una breve saga dei fratelli Grimm

Infatti é ambientata quì la saga "La vecchia cantina di vini vicino a Salorno (Der alte Weinkeller bei Salurn), contenuta nella raccolta Saghe Tedesche (Deutsche Sagen) dei Fratelli Grimm (volume Primo, saga numero 15).

In questo racconto Christoph Patzeber visitò nel 1688 le rovine del vecchio castello di Salorno e vi trovò una cantina sotterranea con 18 botti riempite di ottimo vino. L'uomo si versò del vino, ma quando si voltò per andarsene, vide tre anziani, seduti attorno ad un tavolo. Su questo c'era una piccola lavagna, sulla quale avevano scritto qualcosa con un gesso. I vecchi diedero a Patzeber il permesso di andarsene e di tornare quando voleva per servirsi dell'altro vino.

Così fece per un anno. Quando andarono a trovarlo tre vicini, l'uomo servì loro del vino. Questi pensarono che Patzeber avesse ottenuto il vino in modo non lecito e lo denunciarono di conseguenza. L�uomo raccontò poi al giudice dove si approvvigionava del vino e così venne assolto.

Quando in seguito ritornò al castello per prendere del nuovo vino, non vi trovò più la cantina. Fu picchiato invece da una mano invisibile e che lo lasciò quasi morto al suolo. Patzeber vide nuovamente i tre vecchi che tracciarono una croce sulla lavagnetta. L'uomo riuscì a ritornare in città ma vi morì dieci giorni dopo.



Storia

Non é ancora stata definita con certezza la data di costruzione del castello, ma vista la prima citazione dai signori di Salorno datata 1222 é sicuramente da attribuirsi agli inizi del Tredicesimo Secolo se non prima. Dopo i signori di Salorno il castello passò al Conte Mainardo II di Tirolo-Gorizia e quindi nel XIV Secolo, alla casata degli Asburgo. L'imperatore Federico III, nel 1463 insiedò il nobile di origini tirolesi Hans von Spau. Negli anni a seguire il castello perse progressivamente la sua importanza strategica finendo abbandonato.

Nel 1648 il castello venne acquistato dai conti Veneti di Zenobio. Nel corso dei secoli il castello venne ampliato, migliorato e modificato assumendo sempre più la forma attuale, un antico maniero abbarbicato su ripide guglie rocciose adossato alle pareti del monte Gaier (Geiersberg), ecco perché sembra confondersi fino a quasi sparire nella continuità delle rocce, meritandosi, secondo noi, l'appellativo di castello fantasma.
Ora é stato eestaurato su volere dell'ultimo proprietario il barone Ernesto Rubin De Cervin Albrizzi, con il contributo di enti locali, per preservarlo, metterlo in sicurezza e renderlo accessibile al pubblico.



Dove si trova

Siamo nella valle dell'Adige, a Salorno, in tedesco "Salurn", il comune più Sud della provincia altoatesina di Bolzano, a circa 24 Km a Nord di Trento e a 35 Km a Sud di Bolzano. Il castello di Salorno o Castel Haderburg si trova inoltre nella propaggine meridionale del Parco Regionale del Monte Corno.



Come si raggiunge

L'indirizzo del Castello di Salorno é Via Trento, 53/C Salorno (BZ).

Dall'autostrada A22 Modena-Brennero, uscite consigliate: Egna-Ora (arrivando da Nord) o San Michele all'Adige (giungendo da sud), uscendo dall'autostrada seguire le indicazioni per Salorno, raggiungibile percorrendo la Strada Statale 12 che collega Trento a Bolzano. Raggiungere il paese di Salorno che si trova nella sinistra Adige, da qui seguire le indicazioni per il castello.




Tempi di percorrenza

Dal parcheggio situato all'inizio del paese seguire il "Sentiero delle Visioni" fino al castello, la camminata su strada sterrata, é di circa quaranta (40) minuti tra andata e ritorno, in leggera ma costante pendenza, si può percorrerla a piedi o in bici.



Mappe Interattive

Posizione del parcheggio e inizio del sentiero


Sito del Castello di Salorno:




Castello di Salorno
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Bolzano
Comune:Salorno
Coordinate punto di arrivo:46.23557 - 11.20619
(46°14'8" N - 11°12'22" E)
Coordinate parcheggio:46.23653 - 11.20451
(46°14'12" N - 11°12'16" E)
Altitudine di partenza (m):230
Altitudine di arrivo (m):388
Dislivello (m):158
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
30 minuti
Km totali:1,0
Come si raggiunge:A piedi, In mountain bike
Tipologia:Paesaggistico, Storico, Culturale





Traccia GPS


Scarica la tracce per il Castello di Salorno:



Castello Salorno - profilo altimetrico dell'escursione

Altimetria del percorso




Maggiori informazioni:

Haderburgschenke
Tel: +39.335.6029490
http://haderburgschenke.com/





Data visita: 14/06/2014
Creato il: 16/09/2014
Aggiornato il: 16/02/2016

Autore: Denis B.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -