Castello Scaligero di Malcesine

Fortificazione a picco sul lago di Garda (m 96)

 

Abbiamo visitato il Castello Scaligero il 24 aprile 2011.

Castello Scaligero di Malcesine

Il castello spicca altissimo sulla riva del lago di Garda formando un tutt'uno con lo stesso promontorio.

L'ingresso appare all'improvviso lungo le strette e affascinanti stradine di Malcesine.

Castello Scaligero di MalcesineCastello Scaligero di Malcesine

L'ingresso è di 6 Euro per gli adulti e 2 Euro per i ragazzi fino ai 14 anni.

Castello Scaligero di MalcesineCastello Scaligero di MalcesineCastello Scaligero di Malcesine

Il castello è diviso in diversi livelli, ed ognuno con le sue particolarità.

E' possibile camminare lungo gli spalti protetti dalle possenti merlature, come pure affacciarsi ad un balcone a picco sul lago.

Castello Scaligero di MalcesineCastello Scaligero di Malcesine

Oltre a vari passaggi e sale dove sono allestiti alcuni musei (bellissimo il museo naturale), la torre a forma pentagonale è senza dubbio la meta più ambita.

Castello Scaligero di Malcesine

Strette scale portano fino alla stanza più alta, dove, a 70 metri di altezza dal lago, attraverso alcune finestre si possono scorgere magnifici panorami, verso nord

Castello Scaligero di Malcesine

e verso sud. Si nota nella prima foto un altra torre adibita a zona per la celebrazione di matrimoni.

Castello Scaligero di MalcesineCastello Scaligero di Malcesine


 



Come si raggiunge:

Da uno dei tanti parcheggi di Malcesine si prosegue verso il centro del paese e da lì è necessario seguire le indicazioni.


 



Mappe Interattive:



Castello Scaligero di Malcesine
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Verona
Comune:Malcesine
Coordinate punto di arrivo:45.76611 - 10.80864
(45°45'58" N - 10°48'31" E)
Altitudine di arrivo (m):96
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi (esclusa visita):15 minuti
Come si raggiunge:A piedi
Tipologia:Storico




Storia:

Alcuni studi indicano la presenza della rocca già dal primo millennio a.C. ma è più certo che il castello sia stato costruito dai Longobardi, verso la metà del primo millennio d.C. e che fu distrutto dai Franchi nel 590.

Gli stessi Franchi lo ricostruirono ed ospitò nel '806 il re Pipino.

Nel 1277 divenne dominio di Alberto della Scala e rimase sotto il casato fino al 1387.

Dal 1387 al 1403 fu occupato dai Visconti di Milano.

Nel 1506 entrò sotto il dominio della Repubblica di Venezia ma lo stesso anno venne riconquistato dall''Impero.

Tornò sotto la Repubblica di Venezia dal 1516 al 1797 dove passò ai Francesi. Nel 1798 tornò in mano gli Austriaci fino al 1866. Da quell'anno seguì le sorti del Veneto.

Il 22 agosto del 1902 venne dichiarato Monumento Nazionale.


 

Data visita: 25/04/2011
Creato il: 02/05/2011

Autore: Corrado DZ.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -