Castel d'Andraz - Schloss Buchenstein

Mirabile opera d'ingegneria medioevale (m 1742)

 

Castel d'Andraz - Schloss Buchenstein

 

Lungo l'antica strada della Vena che dalle Miniere del Fursil dell'alto Agordino arriva ai forni fusori all'inizio del Tirolo troviamo il Castello d'Andraz.

Castel AndrazIl Castello sopra il massoCastel d'Andraz

  

Sorto per proteggere i traffici minerari della zona, custodiva il minerale grezzo che saliva fin ai forni di fusione nei pressi del passo Falzarego, presidiava le strutture e gli insediamenti per i forni e permetteva che il metallo fuso potesse essere lavorato e spedito in tutta Europa, garantendo sicurezza e solidità al mercato stesso.

Castel AndrazCastel d'AndrazCastel d'Andraz - Schloss Buchenstein

  

Interamente costruito sopra un grande masso erratico, si erge in altezza dominando la via a cui offriva protezione.

 

Vista da sotto la rocciaCastel Andraz

  

Schloss Buchenstein, nome tedesco della zona di Livinallongo del Col di Lana, ha la particolarità di essere interamente edificato sopra il piano inclinato di un unico blocco di roccia.

Il ruscelloIl pozzo costruito nelle muraCastel d'Andraz - Schloss Buchenstein

Accanto al masso scorre un ruscello dal quale traevano l'acqua necessaria tramite un profondo pozzo, edificato nelle mura che circondavano il castello stesso

le murasulla sommità c'era il camminamento di rondaper la guardia e la difesa

Sulla sommità della cinta muraria era adossato un camminamento coperto per la ronda e la difesa

Il recente restauro ad opera della Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici del Veneto Orientale, permette l'accesso e la visione dei vari locali

La sopraintendenza ha recentemente restaurato il manieroora è possibile l'accesso in sicurezzae di godere delle stesse viste d'allora



La nuova scala in ferro posizionata volutamente all'esterno consente di superare il dislivello del masso e visitare agevolmente l'interno lasciando inalterato l'assetto originario

La costruzione a sinistra è quel che rimane della chiesa, mentre nell'arco a destra ora è posizionata la biglietteriaLa scala in ferro porta direttamente ai piani altiL'ingresso

Il fortilizio è strutturato alla base con magazzini e depositi dedicati, salendo troviamo vari locali di servizio, per la guarnigione e infine locali padronali dedicati cioè ai signori del castello o al Capitano. Il tutto era ed è collegato internamente da una stretta scala in muratura.

Vista dell'intera struttura a tutta altezzaLa stretta scala originaria

Come ogni castello che si rispetti anche qui troviamo prigioni e passaggi segreti. Le prigioni erano due una per gli uomini e una per le donne, sovrapposte e in un primo tempo comunicanti tramite una botola.

L'ingresso alla prigione degli uominiL'interno della prigione degli uomini, la botola al centro dava sulla prigione delle donneLa finestra della prigione, sul pavimento a destra l'affioramento rocciosoNel muro si possono notare i fori dove erano infissi i ceppi per le cateneLa prigione delle donne

Una stanza segreta era situata al di sotto della camera padronale, accessibile in un primo tempo tramite una botola e successivamente tramite un piccolo varco aperto fra le mura.


La porta nell'angolo porta alla stanza segretaNella stanza si possono ancora leggere le scritte originarie accanto al foro gnomonicoLe scritteLa finestra con accanto il foro gnomonico

Sempre in questa stanza dove si narra abbia vissuto Nicolò da Cusano, è presente un foro gnomonico. Si tratta di un piccolo foro nella muratura che permette con la sua particolare angolatura di trovare determinati momenti astronomici

Castel AndrazLe cucine

Numerosi sono i reperti ritrovati durante gli scavi ed esposti nelle stanze dell'antico maniero

I reperti ritrovati: punte di verrettone da balestra e vari finimenti per cavallo .....chiodi, strumenti di lavoro, chiave da portone e resti della fusione del ferro

La struttura del castello è stata rimaneggiata più volte nel corso dei secoli, anche se la più significativa è stata dopo il 1480, quando dopo un devastante incendio è stato ricostruito eliminando tutte le travature in legno sostituite da volte in pietra

Qui si possono vedere le volte che reggevano i pavimentiCastel d'Andraz - Schloss BuchensteinCastel Andraz

Castel AndrazUna semplice nicchia nel muro o un vano segreto ?In cucina: il basamento che reggeva la stufa

Le merci venivano issate direttamente ai piani alti tramite un grande argano

Castel Andraz, una delle stanze padronaliQui è possibile vedere il pertugio attraverso il quale dalla cucina si alimentava la stube della stanza padronale, la nicchia I locali per la servitù nel sottotetto

Numerosi sono i particolari tecnici di tutto rispetto che troviamo nell'antico maniero, ad esempio le finestre delle stanze padronali hanno un'intelaiatura particolare che permetteva di far scorrere la finestra e l'anta dello scuro all'interno del muro. Anzi lo scuro del balcone, diversamente dal solito, era situato all'interno della stanza rispetto al vetro questo per permetterne la chiusura senza dover aprire la finestra, espediente molto utile dato il rigido clima invernale

Castel AndrazParticolare dell'intelaiatura che permetteva alla finestra e al balcone di scorrere nel muroCastel Andraz, il secchiaio presente in cucinaCastel Andraz, il bagno padronale con scarico all'esterno

Altra particolarità la troviamo in cucina, in una nicchia nella muratura è ricavato il secchiaio che scarica verso l'esterno. Nelle stanze padronali è presente il bagno in camera se possiamo definirlo così, si tratta di una seduta anch'essa ricavata in una nicchia nella muratura che scarica direttamente all'esterno.

Castel Andraz, vista verso il Sass di Stria e il FalzaregoCastel Andraz, vista dell'interno dai magazzini

Sempre in cucina è possibile notare un altro espediente ingegnoso per l'epoca, per evitare fumo e sporco nelle stanze padronali nel caricare la legna nelle stufe, avevano inserito degli sportelli nel muro delle cucine tramite i quali era possibile alimentare le "stube" poste nella stanza a fianco.

La stube al Castello d'Andraz

Castel Andraz, vista del pontile d'accessol Castel d'Andraz lungo la via della Vena

  


 



Come si raggiunge:

Da Cortina d'Ampezzo salire al passo Falzarego, qundi prendere a sinistra per Agordo/Arabba, dopo 4,5 km si trova il parcheggio a destra che in 1 Km porta al parcheggio. Se invece si proviene da Selva di Cadore o da Caprile prendere la SR203 Strada Regionale Agordina per il Falzarego, fino a scorgere sulla sinistra la deviazione/parcheggio per Castello. Volendo è possibile proseguire in auto e parcheggiare dopo 600 metri.


 



Mappe Interattive:



Castel d'Andraz - Schloss Buchenstein
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Belluno
Comune:Livinallongo del col di lana
Coordinate punto di arrivo:46.50464 - 11.98899
(46°30'17" N - 11°59'20" E)
Coordinate parcheggio:46.50604 - 11.99733
(46°30'22" N - 11°59'50" E)
Altitudine di partenza (m):1812
Altitudine di arrivo (m):1742
Dislivello (m):-70
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
30 minuti
Ore in mountain bike (andata e ritorno):15 minuti
Km totali:1,0
Come si raggiunge:A piedi, In auto, In mountain bike
Tipologia:Naturalistico, Paesaggistico, Storico


Data visita: 02/09/2015
Creato il: 14/09/2018

Autore: Flavio C.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -