Cima Carega

La cima più alta delle Piccole Dolomiti (m 2259)

 

Percorrendo ogni mattina la Val d'Illasi, non si può non notare il Carega che si staglia altissimo sull'orizzonte. E' la cima più significativa della zona ed è una meta molto ambita in quanto è ricca di rifugi e la strada per arrivare non è particolarmente impegnativa, ma molto lunga.

 

Il termine Carega sembra prendere origine dall'idioma alto tedesco "Careige" il quale viene inteso come cima dalle conche rocciose, oppure da cadini (Kar-egge) termine che rispecchia fedelmente la struttura fisica delle sommità delle Piccole Dolomiti. (tratto da caregaweb.it)

 

Tra i tantissimi sentieri più o meno facili abbiamo deciso di affrontare il "sentiero delle creste" più suggestivo nell'avvicinamento a cima Carega.

Molti anche i punti possibili di partenza, noi abbiamo scelto di partire da rifugio Revolto.

Cima Carega - rifugio RevoltoCima Carega - rifugio Revolto

Da rifugio Revolto abbiamo seguito il sentiero CAI 189 (Don Domenico Mercante) per raggiungere Passo Pertica. E' un sentiero molto frequentato, inizialmente su terreno boschivo. Ora siamo in territorio trentino.

Cima Carega - dettagli del sentiero 189Cima Carega - dettagli del sentiero 189

Si incrocia un tornante della strada che porta a rifugio Pertica e dove si trova una croce ricorda il sacrificio di don Domenico Mercante, parroco di Giazza, e del soldato Leonhard Dalla Sega durante la Resistenza. Da qui si ha una vista sul Lago secco, sulla Costa Media del Carega e sulla lontana piana di Campobrun .

Cima Carega - croce Don Domenico MercanteCima Carega - dettagli del sentiero 189

Il sentiero prosegue su una scalinata che taglia un ulteriore tornante della strada e poi prosegue sulla stessa.

Da Revolto a Pertica abbiamo impiegato circa 20 minuti.

Cima Carega - rifugio Passo Pertica

Da passo Pertica abbiamo seguito la strada verso Bocchetta Mosca (sentiero 109). Dopo il secondo tornante (vanno fatti tutti e due, non prendere scorciatoie), dopo circa un centinaio di metri si trova l'indicazione per il sentiero 108. Dal passo Pertica al bivio ci vogliono circa 15 minuti (35 minuti dall'inizio del percorso).

Cima Carega - inizio del sentiero 108Cima Carega - dettagli del sentiero 108Cima Carega - dettagli del sentiero 108Cima Carega - dettagli del sentiero 108

Cima Carega - vista della strada di accesso al passo PerticaCima Carega - vista verso rifugio ScalorbiCima Carega - rifugio Scalorbi

Il sentiero sale lentamente con alcuni punti in cui è necessario scavalcare diverse radici di pini mughi, ma poi inizia una salita repentina e faticosa.

Cima Carega - dettagli del sentiero 108Cima Carega - dettagli del sentiero 108

Al termine della salita siamo a Cima Tibet. Dal bivio abbiamo impiegato 1h 45 (2 ore e 20 minuti dall'inizio del percorso).

Cima Carega - Cima TibetCima Carega - Cima TibetCima Carega - Cima TibetCima Carega - stella alpina

Come segno di solidarietà per i fatti avvenuti in Tibet, questa cima è ornata da alcune bandierine tibetane.

Nei pressi della cima troviamo molte stelle alpine, altri escursionisti ci hanno raccontato che in questi luoghi di stelle alpine ce ne sono veramente tante.

Cima Carega - vista da cima Tibet verso cima CaregaCima Carega - dettagli del sentiero 108Cima Carega - dettagli del sentiero 108Cima Carega - dettagli del sentiero 108

Da cima Tibet si prosegue per il sentiero 108 verso Cima Madonnina che si raggiunge in 10 minuti (2 ore e 30 minuti dall'inizio del percorso).

Cima Carega - Cima MadonninaCima Carega - dettagli del sentiero 108

Il sentiero prosegue solcando il crinale di altre vette fino al rifugio Fraccaroli.

Cima Carega - dettagli del sentiero 108Cima Carega - dettagli del sentiero 108Cima Carega - rifugio Fraccaroli

Da cima della Madonnina al rifugio Fraccaroli ci sono voluti circa 40 minuti (3 ore e 10 minuti dall'inizio del percorso).

Cima Carega - rifugio FraccaroliCima Carega - rifugio FraccaroliCima Carega - rifugio Fraccaroli

Cima CaregaCima CaregaCima Carega

Dal rifugio alla cima ci si arriva in cinque minuti seguendo un improbabile sentiero tra le rocce.

Cima CaregaCima Carega

Cima Carega - panorama della strada di ritorno verso bocchetta MoscaCima Carega - Cornetto, Tre Apostoli, BaffelanRifugio Fraccaroli da Cima Carega

Per il ritorno abbiamo seguito la via più facile, normalmente utilizzata per fare la salita da rifugio Revolto, imboccando il sentiero 157 che porta verso bocchetta Mosca.

Cima Carega - inizio della discesa sul sentiero 157

All'inizio del sentiero un Grifone, probabilmente realizzato dai reparti dell'Impero Austro-Ungarico durante la Grande Guerra, sembra controllare la sottostante valle.

Cima Carega - GrifoneCima Carega - Grifone

Si raggiunge Bocchetta Mosca in 20 minuti e da qui proseguiamo lungo il sentiero 192 che ci porta più rapidamente verso il rifugio Scalorbi.

Cima Carega - Bocchetta MoscaCima Carega - vista da Bocchetta Mosca verso il rifugio Fraccaroli

Cima Carega - dettagli del sentiero 192Cima Carega - dettagli del sentiero 192

Cima Carega - in vista del rifugio Scalorbi

30 minuti per raggiungere il rifugio Scalorbi da Bochetta Mosca.

Cima Carega - rifugio Scalorbi

Poco distante dal rifugio alcune tracce della Grande Guerra e un bella veduta verso la pianura veneta.

Cima CaregaCima CaregaCima Carega

Torniamo leggermente indietro e prendiamo il sentiero 109, che poi è la strada di accesso, che ci riporta prima a passo Pertica e poi, per la stessa strada dell'andata a rifugio Revolto.

Cima Carega - dettaglio del segnavia 109Cima Carega - dettaglio del segnavia 109

Cima Carega - dettaglio del segnavia 109Cima Carega - dettaglio del segnavia 109Cima Carega - dettaglio del segnavia 109

Da rifugio Scalorbi, passando per il Passo Pertica fino a rifugio Revolto abbiamo impiegato un'ora e 20 minuti.


 



Come si raggiunge:

Da Giazza, circa 6 km, seguendo la provinciale e poi la strada forestale che conduce in località Le Giare e Revolto di Sotto, superato il Rifugio Boschetto si continua la salita tra gli stretti tornanti della valle di Rivolto fino al rifugio. Per il parcheggio bisogna un po' arrangiarsi negli spiazzi lungo la strada.

Si prosegue a piedi lungo il sentiero 189 che più volte taglia i tornanti della strada che porta a rifugio Revolto. Passato il rifugio si prosegue sempre per lo stesso sentiero fino a Passo Pertica.

Da passo Pertica verso Bocchetta Mosca (sentiero 109). Dopo il secondo tornante (vanno fatti tutti e due, non prendere scorciatoie), dopo circa un centinaio di metri si trova l'indicazione per il sentiero 108 che porta al rifugio Fraccaroli.

Per il ritorno si prende il sentiero 157 che porta verso bocchetta Mosca. A Bocchetta Mosca il sentiero 192 che porta verso il rifugio Scalorbi. Si prosegue sulla strada segnavia 109 che riporta a rifugio Revolto passando per sempre per Passo Pertica.


 



Mappe Interattive:



Cima Carega
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Trento
Comune:Ala
Coordinate punto di arrivo:45.72478 - 11.13077
(45°43'29" N - 11°7'51" E)
Coordinate parcheggio:45.69554 - 11.11903
(45°41'44" N - 11°7'9" E)
Altitudine di partenza (m):1336
Altitudine di arrivo (m):2259
Dislivello (m):1050
Difficoltà del percorso:E - Escursionistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
5 ore 20 minuti
Come si raggiunge:A piedi
Tipologia:Panoramico


Data visita: 03/09/2016
Creato il: 27/02/2017

Autore: Corrado DZ.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -