Rifugio Pier Fortunato Calvi

nelle Dolomiti Orientali di Sappada/Plodn (m 2164)

 

Rifugio Calvi

Il rifugio Pier Fortunato Calvi delle Dolomiti Orientali è un piccolo gioiello incastonato in un bellissimo anfiteatro dolomitico.

 

Rifugio CalviRifugio CalviRifugio Calvi

In questa escursione siamo saliti al Calvi partendo dal Rifugio Sorgenti del Piave, ma volendo si può partire direttamente dal parcheggio dove inizia il sentiero CAI 132 che seguendo la strada sterrata sale fino al rifugio.

 

Partenza dal Rifugio Sorgenti del Piaveil sentieroattraverso  il bosco

Dalle Sorgenti del Piave, il sentiero si snoda inizialmente attraverso il bosco in dolce pendenza, attraversa poi un prato a mezza costa sotto le pareti meridionali del monte Peralba, per congiungersi con la strada sterrata all'altezza del quarto tornante

 

tratto a mezzacosta sotto il PeralbaInnesto sul CAI 132Vista sul Col di Caneva

Si segue quindi la rotabile dove nell'ultimo tratto la pendenza aumenta un po'

 

il monte Lastronila parete Sud del Monte Peralba

A mano a mano che si sale il paesaggio si apre e la vista inizia a spaziare verso Sud e Sud-Ovest

 

uno sguardo verso la Val Visdendeil Rifugio Calvi sotto il Pic ChiadenisRifugio Calvi

Finalmente si riesce a distinguere il rifugio che fa bella mostra di se circondato dal monte Peralba, il Pic Chiadenis e il monte Chiadenis

 

Il bivio per il Sentiero delle MarmotteIl Rifugio Calvi tra il Pic Chiadenis e il Chiadenisvista sul Rifugio Pier Fortunato Calvi, dall'attaco della Ferrata per il Chiadenis

 

Volendo abbandonare la strada sterrata è possibile seguire una scorciatoia (più impegnativa) chiamata Sentiero delle Marmotte

Indicazione per il Sentiero delle Marmotte

 

Dopo un ultimo tratto leggermente più faticoso si arriva alla meta

Il Rifugio Calvi sotto il ChiadenisRifugio Calvisempre più vicini

il Rifugio Calvi a 2164 mtRifugio Pier Fortunato Calvi

 

Da qui il paesaggio si apre a tutta la conca dolomitica, del Peralba - Chiadenis nel quale si adagia, fino alla Val Visdende

Rifugio CalviRifugio CalviRifugio Calvi

Tracce di fortificazioniVista sulla strada che sale al rifugio, il monte Lastroni e a sinistra la bella Val Sesis

 

Vicino al rifugio troviamo un piccolo capitello dedicato alla Madonna con Gesu Bambino

Capitello dedicato alla Madonna con Gesu BambinoRifugio Calvi

 

Alla sinistra del Calvi parte un sentiero che raggiunge una sella fortificata durante la Grande Guerra e dove inizia la ferrata al monte Chiadenis. La sella mostra i ruderi di un muro con feritoie che mette in comunicazione una galleria sul monte Chiadenis, con delle postazioni e gallerie sulla cima antistante.

Sentiero per la sella fortificata e l'attacco della ferrata per il ChiadenisSentiero per la sella fortificata e l'attacco della ferrata per il ChiadenisIl muro con le feritoie

 

 

 

 

dai tabelloni trovati in loco


 



Storia:

Il rifugio Pier Fortunato Calvi al Peralba è posto a quota m. 2.164. E' stato costruito nell'anno 1926 per iniziativa della Sezione Cadorina del Club Alpino Italiano - con sede in Auronzo - con il contributo del Comune di Sappada che ha donato anche il terreno ed è intitolato all'eroe cadorino dei moti per l'indipendenza del Cadore del 1848.

A seguito dei danni e dell'abbandono nel corso della seconda guerra mondiale, venne riparato e riaperto al pubblico con una solenne cerimonia nell'agosto del 1949 e poi affidato alla appena istituita Sezione del Club Alpino Italiano di Sappada nell'anno 1955 che lo gestisce tutt'ora.

Dopo gli ulteriori lavori di ammodernamento, la struttura ha una capienza di 52 posti letto, due sale ristoro, un ricovero invernale sempre aperto e costituisce il punto d'appoggio per le arrampicate ed escursioni nel gruppo del Peralba (m. 2.694), Chiadenis ed Avanza (Alpi Carniche).

  

 

Pier Fortunato Calvi - Patriota

Nato a Briana di Noale nel 1817 - Belfiore, Mantova 1855

Ex capitano dell'esercito austriaco, organizzò le forze di resistenza in Cadore. Combattè in Veneto e Trentino, quindi a Venezia, poi fu in Grecia e Piemonte. Su incarico di Mazzini sollevò il Cadore fino al suo arresto a Cogolo nel Settembre del 1853. Fu Giustiziato a Belfiore nel 1855

 

 


 



Come si raggiunge:

Da Sappada o Forni Avoltri dirigersi verso Cima Sappada e svoltare lungo la SP22 a fianco della Chiesa, quindi seguire le indicazioni per il rifugio Pier Fortunato Calvi per 9 Km

 


 



Tempi di percorrenza:

AL RIFUGIO PIER FORTUNATO CALVI

E (Escursionistico) 2164 mt

Passeggiata classica molto appagante per l'ambiente in cui si sviluppa, percorso semplice, mediamente faticoso nella parte finale, segue la strada sterrata che dal parcheggio porta fino al rifugio. Il rifugio di proprietà della sezione C.A.I. di Sappada - Plodn, dedicato alla memoria del patriota Pier Fortunato Calvi, è ubicato in posizione suggestiva racchiuso dall'anfiteatro del Peralba, Pic Chiadenis e Chiadenis.

Si raggiunge in circa un'ora partendo dal parcheggio o con 10 minuti in più partendo dal Rifugio Sorgenti del Piave.

 

 

 

Escursioni in zona:

AL MONTE PERALBA 2694 MT

VIA NORMALE "GIOVANNI PAOLO II"

EE (escursionisti esperti)

Il Peralba è la montagna più alta di Sappada - Plodn, imponente montagna calcarea dalle forme tozze e arrotondate, il poderoso crestone sommitale si estende con andamento est-ovest. La cima del Peralba è una delle più note e frequentate delle Alpi Carniche, il panorama che essa offre è fantastico, si estende su tutta la Catena Carnica principale fino ai massicci delle Giulie, verso il Sernio e le valli carniche fino alle colline del Friuli, verso le Torri del Rinaldo, fino alla catena del Siera, dei Clap e delle Terze e fino al Cridola e alle Prealpi Carniche; verso le Dolomiti del Cadore, dell'Agordino e di Fassa, fino all'Antelao, al Pelmo alle Marmarole, al Sorapis, alla Marmolada, al Catinaccio, alle Tofane, al Cristallo e verso nord la catena delle Alpi del Gail e le catene delle Aurine e dei Tauri, dal Gran Pilastro alla Vetta d'Italia e dal Gross Venediger al Gross Glockner.

Sulla vetta sono posti una statua della Madonna, una campana, una grande croce e il libro di vetta. L'itinerario molto frequentato, permette di raggiungere la cima con difficoltà contenute, non è da sottovalutare comunque in presenza di neve o vetrato. Lungo il crestone sommitale bisogna porre attenzione a non muovere pietre che possono cadere sulla sottostante ferrata. Traccia di sentiero segnata con bolli rossi, un breve tratto è attrezzato con fune metallica. La via è intitolata a Giovanni Paolo II in quanto è la via che segui il Papa il 20 luglio 1988, quando a piedi, salì sulla vetta del Peralba.

 

 

 

 

 


 



Mappe Interattive:



Rifugio Pier Fortunato Calvi
SCHEDA PERCORSO
Provincia:Udine
Comune:Sappada
Coordinate punto di arrivo:46.62398 - 12.72672
(46°37'26" N - 12°43'36" E)
Coordinate parcheggio:46.62023 - 12.71636
(46°37'13" N - 12°42'59" E)
Altitudine di partenza (m):1815
Altitudine di arrivo (m):2164
Dislivello (m):350
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
2 ore
Ore in mountain bike (andata e ritorno):50 minuti
Km totali:2,0
Come si raggiunge:A piedi, In mountain bike
Tipologia:Naturalistico, Paesaggistico, Storico


Data visita: 05/09/2018
Creato il: 07/05/2019

Autore: Flavio C.

 

Altri itinerari nelle vicinanze:




;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P
Commento
E' possibile modificare le sottoscrizioni o l'invio automatico di nuovi commenti inseriti di questa pagina su Iscriviti a Montagnando.
Per la rimozione dei propri commenti scrivere a montagnando@montagnando.it
Ci riserviamo il diritto di eliminare i commenti ritenuti diffamatori, pubblicitari e non inerenti al contenuto.
Per prevenire lo SPAM automatico, inserisci nella text-box il testo che visualizzi nell'immagine. Inoltre controlla che il tuo browser supporti i cookie, altrimenti il sistema non riconoscerà il controllo e non ti sarà inserito il commento. Grazie.
Aggiorna Captcha »


IMPORTANTE: Il materiale presente nel sito è puramente indicativo. L'utilizzo libero e personale delle informazioni, contenute all'interno del sito, è e rimane di responsabilità dell'utente. Non ci si assume alcuna responsabilità giuridica nel caso di incidente o danni di qualsiasi genere ed origine nell'uso del citato materiale. La visualizzazione o la stampa di informazioni contenute nel sito www.montagnando.it implicano, in modo imprescindibile, la presa visione e l'accettazione di quanto contenuto nell'allegata NOTA INFORMATIVA DI RESPONSABILITA' riguardante la "responsabilità dell'utente" nell'utilizzo delle sopracitate informazioni.

Attenzione: per visualizzare gli annunci pubblicitari viene utilizzato un cookie DoubleClick DART. L'utilizzo di questo cookie consente a Google di pubblicare annunci mirati per gli utenti. Questi cookie non permettono in alcun modo di identificare personalmente l'utente e non includono dati personali.





In questo sito utilizziamo cookies di profiliazione e di terze parti per l'inoltro di pubblicità mirata. Nell'informativa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Continuando a navigare in questo sito acconsenti all'uso dei cookies. Ok Informativa

- Stampa -